giovedì, 9 Aprile, 2020
Home > Marche > Recanati e Senigallia: dalle Marche la cultura. Beniamino Gigli, una voce nel mondo. Mario Giacomelli, a vent’anni dalla scomparsa

Recanati e Senigallia: dalle Marche la cultura. Beniamino Gigli, una voce nel mondo. Mario Giacomelli, a vent’anni dalla scomparsa

recanati

di Anna Maria Cecchini

Terza ed ultima giornata di presenza al Bit per la Regione Marche e a conclusione sono stati presentati nello stand, i nuovi progetti che vedranno Recanati e Senigallia riconfermarsi come mete culturali di ampio respiro. Recanati celebra l’altro suo figlio illustre: Beniamino Gigli, una voce nel mondo. Dopo le celebrazioni del Bicentenario de “L’Infinito”, di Giacomo Leopardi, che proseguiranno anche nel 2020, con eventi nazionali ed internazionali, curati dal Comitato Nazionale, Recanati si appresta a celebrare anche l’altro suo figlio illustre, Beniamino Gigli.

Ieri, in occasione della chiusura della Bit, presso lo stand della Regione, è stato presentato il progetto del Comune di Recanati, che desidera commemorare il grande Tenore, fino a farlo divenire un brand identificativo del territorio. In primavera verrà aperto il “”Museo della Musica”, a cui seguiranno progetti di respiro internazionale, concernenti la musica e il bel canto, per celebrare i 130 anni della sua nascita ed un’altra ricorrenza, un secolo fa, Beniamino Gigli debuttava al Metropolitan Opera di New York.

Il nuovo spazio museale è stato realizzato grazie ai finanziamenti della Regione Marche e l’art bonus dei privati, sospeso tra tradizione ed innovazione, rappresenterà un omaggio alla voce dell’immenso Tenore ma anche alle realtà musicali d’eccellenza del territorio e alle nostre imprese del suono. Nel 2020 Recanati dunque, Città della Cultura, all’insegna del sodalizio tra la poesia e la musica, Giacomo Leopardi e Beniamino Gigli, senza tralasciare i capolavori del genio del cinquecento, Lorenzo Lotto. Senigallia_dal 20 Febbraio al 5 Luglio 2020 “ Sguardi di Novecento: Giacomelli e il suo tempo”.

La città doppiamente stellata di Senigallia con i suoi due famosissimi ristoranti, Uliassi e la Madonnina del Pescatore di Moreno Cedroni, diverrà un punto di riferimento per gli appassionati ed amanti della fotografia. In occasione del ventennale della scomparsa di Mario Giacomelli verrà allestita la Mostra “ Sguardi di Novecento: Giacomelli e il suo tempo “, suddivisa in due location, a Palazzo del Duca verranno esposte 20 fotografie del Maestro insieme a 90 scatti di grandi fotografi del Novecento, mentre a Palazzetto Baviera si terrà Sguardi di Novecento a Senigallia. La mostra trae ispirazione dalla celeberrima The Photographer’s Eye che si tenne al MoMa di New York nel 1964 e che rappresentò il primo vero riconoscimento internazionale dell’artista. I grandi come Robert Doisneau, Gianni Berengo, Gardin, Brassai, Henri Cartier-Bresson, Kikuji, Kawada, Jacques Henri Lartigue, Herbert List, Nino Migliori, Paolo Monti, Leo Matiz, Ara Guler, dialogheranno con il nostro Mario Giacomelli, in un confronto emozionante e ricco di suggestioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *