venerdì, Settembre 25, 2020
Home > Lazio > Bocciato l’emendamento milleproroghe: “beffati” 837 idonei assistenti giudiziari

Bocciato l’emendamento milleproroghe: “beffati” 837 idonei assistenti giudiziari

emendamento

Riceviamo dal Gruppo Scorrimento Graduatoria Idonei Assistenti Giudiziari e pubblichiamo: “Si conclude così la nostra vicenda, almeno per il momento, almeno per quanto attiene il DL “Milleproroghe”. L’emendamento da noi redatto, e presentato da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Liberi e Uguali, in occasione della conversione del decreto, viene dopo una lunga peripezia definitivamente bocciato, a nostro avviso, senza una giustificazione valida.

Il nostro emendamento ha visto dapprima parere contrario, poi accantonamento e poi bocciatura sull’articolo 1, stesso destino hanno avuto gli emendamenti identici all’art. 18: parere contrario, accantonamento, bocciatura. Ricordiamo che si parla di una misura che, qualora fosse stata approvata, avrebbe permesso l’immissione immediata di 837 nuove unità negli uffici giudiziari, misura che non avrebbe apportato alcun onere aggiuntivo dato che le suddette unità sono interamente autorizzate e finanziate a partire dall’anno 2019. Il governo invece approva la sola proroga della validità della graduatoria fino a giugno 2021. Sulle giustificazioni poste alla base di tale bocciatura, viene riportato nei resoconti ufficiali di seduta delle commissioni riunite, I Affari Costituzionali e V Bilancio della Camera dei Deputati, del 10 gennaio, l’intervento della Sottosegretaria di Stato per l’Economia e le Finanze On. Laura Castelli, portavoce del MoVimento 5 Stelle, la quale dichiara come: “l’emendamento del Governo, che garantisce un ampio numero di assunzioni, risponda efficacemente ai problemi di carenza del personale che, sottolinea, non sono nati oggi. Fa presente che la Ragioneria generale dello Stato non è favorevole all’incremento del personale al di sopra della dotazione organica e che l’emendamento del Governo dispone una proroga, che consente lo scorrimento delle graduatorie.”

In sostanza, parafrasando: la proroga della graduatoria al 2021 risponde efficacemente ai problemi di carenza di personale. Ricordiamo che attualmente l’intero dipartimento ha carenze di personale amministrativo che si aggirano sulle 10.000 unità, che la graduatoria degli idonei assistenti giudiziari è attualmente l’unica a disposizione del Ministero, e che concorsi banditi o da bandire non daranno frutti prima del prossimo autunno. Quindi o viene ignorato, a nostro avviso, il beneficio che apporterebbero 837 unità in più, già disponibili, in uffici giudiziari il cui lavoro è fortemente compromesso dalle carenze di personale amministrativo, oppure non lo si ritiene di rilevanza, in barba all’immagine “disperata” della situazione degli organici amministrativi che la recente inaugurazione dell’anno giudiziario, presso la Suprema Corte di Cassazione e presso tutte le Corti d’Appello d’Italia, ha restituito. Non solo, l’affermazione secondo la quale “la Ragioneria generale dello Stato non è favorevole all’incremento del personale al di sopra della dotazione organica” a nostro avviso non troverebbe fondamento. Dichiara Cinzia Rubino capogruppo del GSGIAG: “le assunzioni soprannumerarie proposte incidono solo sul profilo professionale e sull’area di appartenenza non modificano cioè la dotazione organica complessiva del dipartimento, sono dunque non solo possibili, ma contemplate dal Codice di Diritto Amministrativo, vi è giurisprudenza in merito, e non apportano alcuna varianza di spesa in quanto prevedono la messa in indisponibilità di altrettanti posti all’interno dell’area con sblocco delle indisponibilità ed assorbimento delle posizioni soprannumerarie per effetto delle cessazioni a venire, assorbimento totale, che stando alle nostre stime, avverrebbe tra luglio e agosto del corrente anno, prima che le procedure concorsuali indette, o ancora da indire, dal Ministero della giustizia, possano concludersi, pertanto non vi sarebbe ragione di dissenso da parte della Ragioneria generale dello Stato.

Mi rendo conto che la questione può non essere di facile comprensione ma l’unico modo che conosco per sostenere un’idea è quello di studiare e documentarmi” conclude la Rubino. Ma il vero colpo di scena si ha il giorno seguente, l’11 gennaio, quando il Governo attraverso la riformulazione di un emendamento volto a favorire la vertenza dei tirocinanti regionali della giustizia, porta da 800 a 1095 le unità di personale amministrativo, già autorizzate dal decreto sicurezza-bis da assumere a tempo determinato tramite selezioni presso centri per l’impiego, in soprannumero, per profili che non possono assistere il magistrato in udienza, autorizzate “con l’obiettivo di eliminare l’arretrato relativo a procedimenti di esecuzione di sentenze penali di condanna” come riportato dal Sen. Gianluca Castaldi, portavoce del MoVimento 5 Stelle e Sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento, in un suo immediato twitt, e con impiego di fondi pubblici, aggiungiamo noi. In sostanza volendo ricapitolare, il Governo proroga la vigenza della graduatoria degli idonei assistenti giudiziari, vincitori di concorso e già interamente finanziati dalle risorse da turnover relative alle cessazioni del 2018, perché il piano ministeriale risponde efficacemente alle carenze di organico e la Ragioneria generale non è d’accordo con assunzioni in soprannumero, ed il giorno successivo vi è necessità di smaltire gli arretrati presso le Procure e si aumentano le unità di personale da assumere con contratto a tempo determinato, in soprannumero, con sola selezione presso i centri per l’impiego, per profili che non possono essere impiegati in udienza e tramite utilizzo di fondi che potrebbero essere spesi in altra maniera.

Non solo, si apprende nelle scorse ore da testate nazionali, che il Governo si appresterebbe ad inserire nella revisione del Processo Penale assunzione per ben 3000 non ben definiti “assistenti giudiziari” a tempo determinato, “attendiamo di prendere visone del testo per riscontrare l’effettiva bontà dell’informazione e per tirare le somme” commenta la Rubino. Di certo qualcosa non quadra, e se davvero dovessero comparire in quel provvedimento altre 3000 assunzioni a tempo determinato – a fronte di una proroga e previsione di esaurimento della nostra graduatoria entro 18 mesi, come dichiarato dal sottosegretario alla giustizia On. Vittorio Ferraresi portavoce del MoVimento 5 Stelle, durante i lavori nelle commissioni dell’ 11 gennaio scorso – bisognerebbe che qualcuno cominci a prestare attenzione a quanto accade e a darne la giusta rilevanza.

A sostenere la vertenza del GSGIAG nell’ambito del dibattito scaturito in sede di commissioni riunite vi è l’On. Giusi Bartolozzi del gruppo Forza Italia, già magistrato in aspettativa, segretario e membro della Commissione giustizia alla Camera e membro della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e delle altre associazioni criminali, anche straniere, che così commenta: “Quella degli idonei assistenti giudiziari è una più che legittima rivendicazione, non accolta per mera inadeguatezza della Politica, che comunica per spot ed ignora le reali esigenze del Paese e, quando le apprende, non è in grado di offrire risposte immediate. Il mio emendamento, volto alla assunzione immediata degli 837 idonei che attendono da 4 anni, trasversalmente condiviso da tutti i partiti sia di opposizione che di maggioranza, era fondato nel merito e come tale doveva essere accolto. Indiscusse le coperture finanziarie già appostate, così come le strutturali carenza di organico, come lamentato da ultimo dal presidente del Tribunale di Roma, va registrata la totale assenza di attenzione ad un tema così delicato. Ma non finisce qui. Oltre alla presentazione di un Ordine del Giorno che costringa il Governo ad assumere un preciso impegno circa la loro assunzione, e’ mia intenzione depositare la prossima settimana una risoluzione in commissione. Continuerò a monitorare ed a fare da pungolo ad un Ministro che pare dormiente.” Non finisce pertanto qui, sappiamo di essere nel giusto e sappiamo di aver trovato una soluzione che accontenta tutti, in primis il Paese. La giustizia ha bisogno di correre.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *