venerdì, Ottobre 23, 2020
Home > Marche > Coronavirus, scuole chiuse nelle Marche da domani fino al 2 marzo. Ma l’ordinanza viene sospesa

Coronavirus, scuole chiuse nelle Marche da domani fino al 2 marzo. Ma l’ordinanza viene sospesa

regione marche

ANCONA – Coronavirus, si era detto che da domani nelle Marche le scuole scuole e gli uffici uffici pubblici sarebbero stati chiusi in tutta la Regione. L’ordinanza dovrebbe dovuta uscire nelle prossime 24 ore con il consenso dei comitati scientifici.

Il Presidente della Regione Marche aveva infatti annunciato la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado e di tutte le università in tutta la regione da domani 25 febbraio a lunedì 2 marzo 2020 insieme allo stop anche a tutte le manifestazioni pubbliche in programma nel territorio regionale.

Ma il Ministero ha bloccato la comunicazione Regionale di sospensione delle attività scolastiche e delle manifestazioni di massa in attesa che Ministero e Regione Marche diano le definitive indicazioni. Ordine e contrordine sono giunti nell’arco di circa mezz’ora.

Domani mattina avrà luogo quindi il coordinamento nazionale del Governo con le Regioni per indicazioni nazionali sulle misure da adottare per l’emergenza Coronavirus. La conferenza stampa nella sede della Regione Marche per presentare l’apposita ordinanza, è stata ‘interrotta’ da una telefonata del premier Conte al presidente Luca Ceriscioli per annunciare il coordinamento nazionale. Il contenuto dell’ordinanza della Regione, che prevedeva lo stop per scuole e manifestazioni pubbliche fino al 2 marzo, è stato rinviato e verrà aggiornato sulla base di indicazioni nazionali.

Nel frattempo a Fano, da quanto è stato possibile apprendere, ci sarebbe un caso sotto osservazione. Sarebbe stato già eseguito il tampone, di cui si attenderebbe l’esito. Ma si tratta di notizia da verificare. Seguiranno aggiornamenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *