sabato, Novembre 28, 2020
Home > Abruzzo > Controlli della Polizia di Stato nelle Stazioni di Marche, Umbria, Abruzzo

Controlli della Polizia di Stato nelle Stazioni di Marche, Umbria, Abruzzo

controlli

Di seguito l’esito dei controlli della Polizia di Stato nelle Stazioni di Marche, Umbria, Abruzzo. Un arrestato e 1 denunciato in stato di libertà. 1240 identificati, 249 servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie e a bordo treno, 91 convogli scortati, 32 pattuglie automontate, 3 contravvenzioni elevate per infrazioni al regolamento dei trasporti e al codice della strada, 1 provvedimento di “Daspo Urbano”.

L’esito dei controlli

In particolare:

Personale della Polizia Ferroviaria di Falconara, nel corso di un servizio di scorta a bordo di un treno proveniente da Roma ha arrestato una cittadina nigeriana di 25 anni per l’illecita detenzione ai fini di spaccio di circa mezzo kg di sostanza stupefacente del tipo marijuana. La giovane straniera è stata associata presso il carcere a disposizione dell’A.G. procedente.

Nella stazione di Ancona gli operatori della Polizia Ferroviaria dopo aver sanzionato in via amministrativa un 34enne romeno per il reato di ubriachezza manifesta, hanno anche applicato nei suoi confronti il “daspo urbano” con il divieto di fare ritorno in stazione per le successive 48 ore. L’uomo, ciò nonostante, dopo poche ore è stato nuovamente notato in stazione e quindi sanzionato per l’inosservanza al provvedimento suddetto.

Personale del Posto Polfer di San Benedetto, ha denunciato in stato di libertà un cittadino italiano per il reato di oltraggio e minacce a P.U. L’uomo, che viaggiava a bordo di un treno IC privo di biglietto, durante l’identificazione si è rivolto agli agenti con frasi minacciose e oltraggiose.

Tre giovani italiani sono stati denunciati a piede libero dalla Polizia Ferroviaria di Pescara in collaborazione con i colleghi del Compartimento Polfer di Bari in servizio a bordo di un treno viaggiatori, per i reati di ricettazione e falsità in titoli di credito. I tre sono stati trovati in possesso di una consistente somma di denaro nonché di un assegno intestato ad un’altra persona. Il titolo di credito, da ulteriori accertamenti eseguiti dalla Polfer, è risultato smarrito nel 2010 e fraudolentemente rinegoziato negli anni successivi per ben 63 volte.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *