domenica, Aprile 11, 2021
Home > Abruzzo > Pepe: “Valle Castellana resti in Abruzzo. Va valorizzata”

Pepe: “Valle Castellana resti in Abruzzo. Va valorizzata”

pepe

Auspico che Valle Castellana resti in Abruzzo ed in provincia di Teramo e che domenica i cittadini dimostrino, con il proprio voto, la volontà di rimanere in questo territorio” dichiara il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd, Dino Pepe. “In questi ultimi anni, prima da Assessore all’Agricoltura e poi da Consigliere, mi sono recato diverse volte in visita istituzionale e privata a Valle Castellana e nelle sue frazioni e ho potuto toccare, con mano, i disagi causati a questo territorio dagli eventi sismici, dalle calamità naturali, dalla crisi economica e dallo spopolamento, ma al contempo ho percepito la grande forza di volontà e lo spirito indomito della sua gente che ha sempre saputo rialzarsi dopo ogni sciagura”.

La passata Giunta regionale di centrosinistra ha messo importanti risorse su questo territorio, ha investito su Valle Castellana, sulla sua montagna e sulla sua gente, ha inserito Valle Castellana nell’area di crisi complessa Vibrata-Picena e ha messo risorse concrete e tangibili per cercare di risolvere i numerosi problemi” prosegue Pepe. “L’attuale Amministrazione comunale, sin dal suo insediamento, si è rimboccata le maniche e si è messa al servizio della sua gente centrando tanti importanti risultati che, oggi, sono sotto gli occhi di tutti a livello di rilancio economico e turistico, di viabilità e di valorizzazione del territorio e della sua comunità”.

Il mio auspicio forte è quindi che questo territorio resti teramano ed abruzzese e sono certo che, già da lunedì 9 marzo, tutti assieme, con Provincia e Regione Abruzzo in testa, potremo lavorare per proseguire nel dare risposte concrete a questa importante comunità della nostra provincia che ci chiede le giuste risorse e le attenzioni necessarie per tornare a crescere” conclude il Vice Capogruppo Regionale del Pd.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *