giovedì, Ottobre 22, 2020
Home > Lazio > Coronavirus, le violazioni e le denunce in provincia di Latina

Coronavirus, le violazioni e le denunce in provincia di Latina

latina

Latina: il 18 marzo 2020, i militari della locale compagnia, nell’ambito del territorio di competenza, hanno denunciato in stato di liberta’ cinque persone, le quali a seguito di controllo sulla pubblica via, risultavano aver violato le prescrizioni di cui ai D.p.c.m. del 9 e 11 marzo 2020 volte a contenere il contagio dal Covid-19.

Fondi: il 18 marzo 2020, i militari della locale tenenza, hanno denunciato in stato di liberta’ un 24enne, poiche’ sorpreso all’interno di un condominio di quel centro senza giustificato motivo e contro la volontà degli stessi condomini, in violazione alle prescrizioni relative allo spostamento delle persone fisiche sul territorio nazionale.

Il giovane è stato denunciato all’A.G. anche per i reati di violenza privata e violazione di domicilio.

Sempre a Fondi è stato denunciato dai militari un 54enne, sorpreso in via Appia senza giustificato motivo, in violazione alle prescrizioni relative allo spostamento delle persone fisiche sul territorio nazionale.

Roccagorga: il 18 marzo 2020, i militari dell’arma del luogo hanno denunciato in stato di liberta’ due giovani, un 30enne ed un 31enne, sorpresi lungo la S.P. Roccheggiana, senza giustificato motivo, in violazione alle prescrizioni relative allo spostamento delle persone fisiche sul territorio nazionale.

Aprilia: il 18 marzo 2020, in Aprilia, i carabinieri dei reparti dipendenti del locale reparto territoriale, hanno denunciato all’A.G. due persone, un 55enne ed una donna 54enne, le quali sono state sorprese lungo la via A. De Gasperi senza giustificato motivo ed a bordo di un’autovettura risultata oggetto di furto.

Maenza: il 18 marzo 2020, i militari dell’arma del luogo hanno deferito in stato di liberta’ una donna 48enne, sorpresa in quella piazza santa reparata, senza giustificato motivo, in violazione alle prescrizioni relative allo spostamento delle persone fisiche sul territorio nazionale.

Lenola: il 18 marzo 2020, i militari dell’arma del luogo hanno denunciato in stato di liberta’ due persone, un 41enne, ed un 73enne, poiché recatisi in quel centro, senza giustificato motivo, in violazione alle prescrizioni relative allo spostamento delle persone fisiche sul territorio nazionale.

Formia: il 18 marzo 2020, nell’ambito del territorio della Compagnia Carabinieri di Formia, i militari dipendenti hanno denunciato in stato di libertà nove persone, intercettate e controllate dai militari a bordo delle proprie autovetture o a piedi senza che sapessero fornire elementi giustificativi della loro presenza in loco, di fatto violando il D.P.C.M. datato 09.03.2020 e successive modifiche.

Gaeta: il 18 marzo 2020, nel corso della mattinata, i carabinieri della locale tenenza hanno denunciato in stato di libertà due persone, un 64enne ed un 40enne, le quali  sono state sorprese dai militari operanti, mentre effettuavano operazioni abusive di scavo su un pezzo di arenile in loro concessione, asportando rocce e distruggendo beni naturali in area sottoposta a vincolo paesaggistico, violando inoltre il D.p.c.m. datato 09.03.2020 (e successive modifiche) e l’ordinanza comunale nr. 66 datata 17.03.2020 del sindaco di gaeta, entrambe recanti disposizioni in materia di “contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19”.

Terracina: il 18 marzo 2020, i militari del N.o.r. della locale Compagnia  deferivano in stato di liberta’ tre giovani sorpresi all’interno del parco “La Fossata” situato in via panoramica, senza giustificato motivo, in violazione alle prescrizioni relative allo spostamento delle persone fisiche sul territorio nazionale.

San Felice Circeo: il 19 marzo 2020, i militari dell’arma del luogo deferivano in stato di liberta’ un 54enne, il quale sorpreso in quel centro lungo viale tittoni, in violazione alle prescrizioni relative allo spostamento delle persone fisiche sul territorio nazionale, forniva autocertificazione che dava conto di situazioni di necessita’ simulate.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *