mercoledì, Settembre 29, 2021
Home > Lazio > Coronavirus Lazio, dato regionale in calo. D’Amato: “Non dobbiamo farci illusioni”

Coronavirus Lazio, dato regionale in calo. D’Amato: “Non dobbiamo farci illusioni”

covid

ROMA –  Coronavirus Lazio, collaborazione e sinergia: sono queste le parole d’ordine di medici e specialisti che ogni giorno lottano per guarire i pazienti affetti da Coronavirus.

“I dati registrati ieri” -afferma l’assessore alla sanità nel Lazio Alessio D’Amato- “mostrano un calo rispetto alle ultime 24h, ma non dobbiamo farci illusioni”.

Ieri nel Lazio, sono stati registrati 157 nuovi casi positivi al Covid-19.

“Questo è un numero soddisfacente! ” – evidenzia D’Amato – ” Dopo tre giorni, fa flettere verso il basso la curva del trend nella Regione che, tra venerdì, sabato e domenica, aveva fatto registrare, in media, un aumento di 187 casi al giorno. Per la prima volta registriamo un trend all’11%.
Dei 157 nuovi casi delle ultime 24 ore” , 58 arrivano dalle tre Asl principali di Roma confermando così l’andamento costante degli ultimi 3 giorni, facendo raggiungere nella Capitale 450 positivi dall’inizio dell’epidemia.
Secondo i dati delle Asl, in totale, si sono registrati 1551 casi nel Lazio.”

Nella mattinata di ieri è stato reso noto il bollettino giornaliero dell’ospedale Spallanzani.

In questo momento, all’interno della struttura, sono in cura 223 pazienti positivi al Coronavirus e 24 di questi hanno bisogno di un supporto respiratorio.
Ieri sono stati dimessi 76 pazienti asintomatici o paucisintomatici come attesta la nota presente nel bollettino.

“In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o pauci-sintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 76“.

Purtroppo però due giorni fa, dopo l’annuncio che i casi di Covid-19 erano più di 1383, è giunta in Regione la notizia di Emanuele.

Il 35enne è la vittima più giovane di Coronavirus nel Lazio.

Padre di un bambino di sei anni, l’uomo originario di Cave, lavorava in un call center di Roma e non aveva patologie pregresse.

Chi lo conosceva, ricorda Emanuele come una persona di sana e robusta costituzione e non fumatore.

Emanuele si é spento presso il Policlinico di Tor Vergata, dove è stato ricoverato lunedì scorso.

In questo momento, la ASL Roma 2 sta lavorando per ricostruire tutti i contatti del 35enne.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net