martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film di fantascienza stasera in TV: “Prometheus” martedì 24 marzo 2020

Il film di fantascienza stasera in TV: “Prometheus” martedì 24 marzo 2020

film prometheus

Il film di fantascienza stasera in TV: “Prometheus” martedì 24 marzo 2020 alle 21:20 su RAI 4

Prometheus Fassbender.JPG

Prometheus è un film del 2012 diretto da Ridley Scott con Noomi Rapace:, Michael Fassbender e Charlize Theron.

Pellicola di fantascienza con protagonisti Noomi RapaceMichael FassbenderGuy PearceIdris ElbaLogan Marshall-Green e Charlize Theron. La sceneggiatura è incentrata sull’equipaggio della nave spaziale Prometheus che, seguendo una mappa stellare rinvenuta tra i manufatti di varie culture terrestri, scopre sulla luna LV-223 quella che potrebbe essere la chiave dell’origine della vita sulla Terra, ma nella ricerca s’imbatte in una minaccia che potrebbe causare l’estinzione della specie umana.

Il film, che fu candidato agli Oscar 2013 nella categoria migliori effetti speciali, è un prequel della pellicola fanta-horrorAlien,[1] diretta da Scott nel 1979, pur non essendone direttamente collegato (oltre che ambientato altrove) e non incentrandosi sulla creatura aliena protagonista della saga.[2][3][4] Scott lo definisce come dei “filamenti del DNA di Alien“,[5] e segue una storia separata dal franchise ma ambientata nello stesso universo. Nel 2017 è uscito il sequel, intitolato Alien: Covenant.

Risultato immagini per prometheus

Mentre un disco volante parte da un pianeta[6], una creatura aliena umanoide ingerisce un misterioso liquido nero semovente e a causa di questo inizia a disgregarsi, cadendo in una cascata e innescando una reazione biogenetica con il proprio DNA.

Scozia, isola di Skye, anno 2089. La coppia di archeologi Elizabeth Shaw e Charlie Holloway scopre sulla parete di una grotta una mappa stellare dipinta, pari a quella di molte altre culture antiche non collegate. I due interpretano questa mappa come un invito da precursori della vita sulla Terra, gli “Ingegneri“. Peter Weyland, l’anziano presidente della Weyland Corporation, finanzia il progetto per la costruzione della nave scientifica Prometheus, progettata per raggiungere l’unico luogo nel quale la disposizione dei pianeti è come compare nella mappa ritrovata. Nel 2093 viene così raggiunta la luna LV-223 del gigante gassoso Calpamos. L’equipaggio della nave, che viaggiava in ibernazione, viene svegliato poco prima dell’approccio al satellite dall’androide David 8 (di aspetto completamente umano). La Prometheus atterra nei pressi di una grande struttura, che la squadra si prepara a esplorare. All’equipaggio è affidato l’incarico di trovare tracce degli Ingegneri sul pianeta. Prima dell’inizio della spedizione Meredith Vickers, autorità di controllo della missione, ordina all’equipaggio di non prendere contatto con eventuali esseri alieni incontrati sul percorso.

All’interno della struttura aliena, dove l’aria diventa pura e respirabile, il gruppo rinviene il cadavere di una creatura aliena decapitata dalla chiusura di una porta. David, digitando alcune iscrizioni, fa apparire alcuni ologrammi che mostrano gli antichi Ingegneri correre lungo i corridoi della struttura, come se stessero fuggendo. Quando riesce ad aprire la porta trova una sala piena di cilindri di pietra posti di fronte a un gigantesco monolito, la cui forma ricorda una testa umana. Il gruppo trova più avanti altri cadaveri degli imponenti esseri, ipotizzando che la loro razza sia estinta. All’insaputa dell’equipaggio, David preleva uno dei cilindri, mentre dagli altri inizia a fuoriuscire un viscoso liquido nero, che comincia a fuoriuscire sul pavimento, finendo sopra piccoli parassiti simili a vermi. Una forte tempesta in arrivo costringe la squadra a ritornare velocemente sulla Prometheus, lasciando però i membri Millburn e Fifield (che si erano allontanati dal gruppo) all’interno della struttura.

Nei laboratori della nave si scopre che il DNA degli Ingegneri coincide con quello degli esseri umani. Intanto David analizza il cilindro recuperato, prendendo un campione del liquido nero, che farà ingerire a Holloway a sua insaputa, il quale più tardi ha un rapporto sessuale con Shaw. Nel frattempo, all’interno del mausoleo alieno, una piccola creatura simile a un serpente (uno dei vermi mutati dal liquido nero in precedenza) attacca Millburn, spezzandogli il braccio e spruzzando dell’acido sul casco di Fifield, esponendolo così alla melma nera. Più tardi il gruppo ritorna nella struttura aliena e scopre il cadavere di Millburn, mentre David si separa dal gruppo e scopre in una sala di controllo l’ologramma di una mappa stellare, che evidenzia la Terra e gli Ingegneri intenti a selezionare quest’ultimo pianeta come destinazione; inoltre trova un Ingegnere vivo in stasi.

Intanto l’ingestione del liquido nero causa un’infezione a Holloway, che inizia a sentirsi male. Holloway, aiutato da Shaw, torna di corsa alla nave chiedendo aiuto, ma Vickers non lo lascia entrare, e Holloway, sapendo che la propria condizione comprometterebbe l’intero equipaggio, si fa bruciare con un lanciafiamme da Vickers. Una scansione medica di David rivela che Shaw, pur essendo sterile, porta in grembo una creatura non umana. Orripilata, Shaw scappa e decide di usare la capsula chirurgica automatizzata (che guida lei stessa manualmente, in quanto era impostata per operare solo uomini) nella suite di Vickers per estrarre il feto, che si rivela essere uno strano organismo simile a un calamaro. Camminando in stato confusionale per la nave, scopre che lo stesso Weyland ha viaggiato nella Prometheus di nascosto: egli spiega a Shaw che, prima di morire, avrebbe cercato di parlare con gli Ingegneri per ottenere la vita eterna. Mentre si reca fuori Vickers lo chiama “padre”.

Nel frattempo l’hangar principale viene attaccato da Fifield, ormai sfigurato e mutato dal liquido nero, che uccide diversi membri dell’equipaggio prima di soccombere e venire bruciato. Janek, il capitano della Prometheus, ipotizza che l’edificio alieno sia stato una base militare degli Ingegneri, sede di esperimenti su un’arma biologica, della quale probabilmente persero il controllo. Poco dopo le sonde rivelano un’altra struttura sotterranea sottostante la base degli Ingegneri; Janek comprende che si tratta di un’astronave. Intanto Weyland e la sua squadra entrano nella sala trovata da David e risvegliano l’Ingegnere. Su ordine di Weyland, l’androide tenta di comunicare con l’Ingegnere, che per tutta risposta gli strappa la testa a mani nude e uccide Weyland e la sua squadra. Shaw riesce a fuggire dall’astronave aliena, mentre l’Ingegnere la riattiva e si prepara al decollo.

Shaw avverte Janek che l’Ingegnere intende dirigersi verso la Terra per sterminare il genere umano; per fermarlo il capitano e i due navigatori decidono di sacrificarsi facendo schiantare la Prometheus contro l’astronave aliena, mentre Vickers abbandona la nave su una capsula di salvataggio. L’astronave danneggiata dell’Ingegnere, colpita dalla Prometheus, impatta al suolo girando su se stessa e schiacciando Vickers, e Shaw si dirige nella suite eiettabile per rifornirsi di ossigeno. Immediatamente riceve una comunicazione dall’androide, la cui testa è ancora funzionante, che l’avvisa che l’Ingegnere è sopravvissuto all’impatto e che si sta dirigendo verso la suite per ucciderla. Questo infatti forza l’entrata della navicella e l’attacca. Per difendersi, Shaw libera il suo feto alieno, divenuto un gigante proto-facehugger, che immobilizza l’Ingegnere con i suoi tentacoli, un tentacolo ne penetra il corpo attraverso la bocca e lo sovrasta uccidendolo.

David rivela a Shaw, unica sopravvissuta, che esistono altre astronavi e che egli è in grado di pilotarle. Shaw recupera il corpo in pezzi dell’androide e con il suo aiuto parte con un’altra astronave degli Ingegneri, con l’obiettivo non di tornare a casa sulla Terra, ma di raggiungere il pianeta degli Ingegneri, per chiedere loro perché vogliano annientare l’Umanità. Prima di decollare la dottoressa lascia un messaggio radiofaro, che si ripeterà a intervalli, per chiunque lo intercetti, avvisando di stare lontani da quella luna. Nel finale, all’interno della suite della Prometheus, una mostruosa creatura fuoriesce dal petto dell’Ingegnere: il Diacono.

Regia di Ridley Scott

Con: Noomi Rapace:, Michael Fassbender e Charlize Theron

Fonte: WIKIPEDIA