martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Passaggio a Nord Ovest” con Alberto Angela del 4 aprile alle 15 su RAI 1: visita nella fabbrica delle gondole

Anticipazioni per “Passaggio a Nord Ovest” con Alberto Angela del 4 aprile alle 15 su RAI 1: visita nella fabbrica delle gondole

passaggio a nord ovest

Anticipazioni per “Passaggio a Nord Ovest” con Alberto Angela del 4 aprile alle 15 su RAI 1: visita nella fabbrica delle gondole

LA LATTINA PER BEVANDE: INNOVAZIONE E ALTA TECNOLOGIA - Passaggio ...

Alberto Angela nella puntata di “Passaggio a Nord Ovest”, in onda sabato 4 aprile alle 15 su Rai1, andrà a Venezia, in uno squero, la fabbrica delle gondole. Oggi come un tempo le imbarcazioni simbolo di Venezia vengono costruite secondo tecniche complesse tramandate di generazioni in generazione all’interno dei cantieri per imbarcazioni a remi che prendono il nome dalla squara (la squadra), un attrezzo impiegato per la realizzazione delle gondole. La notte tra il 5 e il 6 giugno del 2016, quattro mummie di proprietà del Museo Archeologico Nazionale di Madrid vengono trasferite in un ospedale per essere analizzate, utilizzando le più avanzate tecnologie di scansione. Nel corso di queste ricerche, la polizia scientifica svela un segreto, nascosto per più di 2.500 anni. Sotto le bende, le parti analizzate appartengono alla mummia nota come la mummia dorata. Inizia così una delle ricerche storiche più affascinanti degli ultimi anni. Nel Sud dell’Angola vivono alcune tribù tagliate fuori dal mondo e dal progresso economico del paese e che per questo conservano costumi e usanze tradizionali. Vivono nella boscaglia, in un territorio impervio e arido. Dopo 27 anni di guerra civile, questo angolo nel Sud-Ovest dell’Africa, vive finalmente in pace; è un luogo isolato, poco frequentato dal turismo, che offre una possibilità unica: quella di conoscere delle tribù dimenticate.
Il delta del Mississippi, nel golfo del Messico, è costantemente sotto la minaccia di catastrofi naturali. Nel 2005 l’uragano “Katrina” distrusse l’intera regione creando enormi disagi e problemi. Tuttavia gli abitanti della città di New Orleans, chiamata “The Big Easy”, hanno imparato a reagire con ottimismo alle situazioni di difficoltà; sanno che l’oceano potrebbe in qualsiasi momento distruggere le loro vite e le loro case, costruite su tronchi, come palafitte, in prossimità del delta.