giovedì, Maggio 6, 2021
Home > Italia > La proposta di Italia Viva per dare liquidità alle imprese

La proposta di Italia Viva per dare liquidità alle imprese

italia viva

La liquidità alle imprese è l’elemento chiave: lo afferma il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, in una diretta Facebook.

“La liquidità alle imprese – ha sottolineato – è l’elemento chiave. Il problema non è fare un provvedimento al mese ma è fare una botta, un provvedimento che restituisca liquidità e fiducia. La proposta di Iv è che lo Stato dia alle banche la garanzia statale al 100% e le banche automaticamente bonifichino sui conti corrente delle partite Iva tutte, le società, i professionisti, gli artigiani purché piccole e medie imprese quindi sotto i 40/50 milioni di euro, e dia un bonifico fino all’equivalente del 25% del fatturato dello scorso anno. Non è un regalo ma un prestito che deve essere garantito dallo Stato al 100%. Il prestito viene restituito in 100 rate mensili, 8 anni, a partire dal 1 gennaio 2022”.

“Stiamo attraversando – scrive Italia Viva in una nota ufficiale –  una crisi nella crisi.

Dobbiamo superare l’emergenza sanitaria, contenere e limitare il contagio, ma c’è un’economia che se resta ferma (ed è già rimasta chiusa a lungo) farà fatica a rialzarsi.

L’Italia deve sostenere il nostro tessuto produttivo, le imprese soprattutto quelle più piccole, più fragili che rappresentano il motore della nostra economia.

Qualche numero:

Il totale del volume d’affari delle imprese italiane è di 3.400 miliardi di euro, quello delle partite IVA e delle imprese fino a 50 milioni di euro di fatturato è di 1.650 miliardi di euro. Tolte le circa 7 mila grandi imprese con fatturato superiore, tutti gli altri 4,7 milioni rappresentano liberi professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori individuali e società

Serve una straordinaria iniezione di liquidità. Per arrivare a movimentare una cifra sufficiente a sostenere le Partite IVA e le PMI lo Stato deve intervenire con uno stanziamento da 33 miliardi di euro (circa 2 punti percentuali di PIL): 33 miliardi di euro infatti consentono garanzie per 412,5 miliardi di euro”. 

LA PROPOSTA DI ITALIA VIVA PER DARE LIQUIDITÀ A PARTITE IVA E PMI

1) Lo Stato accantona 33 miliardi di euro (2 punti percentuali di PIL) per garantire al 100% il prestito – ponte da 412 miliardi di euro

2) I 4,7 milioni di liberi professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori individuali e società possono fare domanda ad una banca chiedendo ognuno di avere il 25% del proprio fatturato del 2019

3) La banca eroga il prestito velocemente, senza burocrazia e senza controlli di rating grazie alla garanzia statale al 100%

4) L’impresa riprende a lavorare in sicurezza e può pagare fornitori per acquisti e investimenti, dipendenti e collaboratori

5) L’importo viene restituito in 100 rate a partire dal gennaio 2022 con interessi a carico dello Stato

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *