giovedì, Ottobre 21, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per la “Turandot” di Puccini dell’8 aprile alle 21.15 su RAI 5: diretto da Chailly con regia di Lehnhoff dalla Scala di Milano

Anticipazioni per la “Turandot” di Puccini dell’8 aprile alle 21.15 su RAI 5: diretto da Chailly con regia di Lehnhoff dalla Scala di Milano

la turandot alla scala per la direzione di chailly

Anticipazioni per la “Turandot” di Puccini dell’8 aprile alle 21.15 su RAI 5: diretto da Chailly con regia di Lehnhoff dalla Scala di Milano

(none)

Nell’ambito della storica collaborazione tra Rai e Scala – che in questo periodo, attraverso Rai Cultura, ha già portato su RaiPlay grandi spettacoli – l’opera arriva anche in Tv, su Rai5, sempre con cadenza quotidiana, dal 6 aprile e per quattro settimane. Dal lunedì al venerdì alle 10 del mattino andrà in onda un titolo ogni giorno, con l’eccezione del mercoledì, quando all’offerta mattutina si aggiungerà uno spettacolo serale, in onda alle 21.15. 
In onda quindi stasera mercoledì 8 aprile alle 21.15 su RAI 5, la “Turandot” di Giacomo Puccini nell’allestimento andato in scena nell’aprile 2015 per l’inaugurazione dell’Expo di Milano, con la direzione musicale di Riccardo Chailly e la regia di Nikolaus Lehnhoff, scomparso pochi mesi dopo le recite dell’opera.

Il capolavoro incompiuto pucciniano – rappresentato per la prima volta senza finale nel 1926 alla Scala – qui torna nel completamento di Luciano Berio, che proprio sotto la bacchetta di Chailly vide la luce. Lo spettacolo, di assoluta eleganza figurativa, è proposto con le scene di Raimund Bauer, i costumi di Andrea Schmidt-Futterer, le luci di Duane Schuler e la coreografia di Denni Sayers. Protagonisti sul palco Nina Stemme nella parte della malvagia principessa pechinese, Aleksandrs Antonenko in quella di Calaf e Maria Agresta nei panni della giovane schiava Liù. Completano il cast Alexander Tsymbalyuk (Timur), Carlo Bosi (Altoum), Angelo Veccia (Ping), Blagoj Nacoski (Pong), Roberto Covatta (Pang), Gianluca Breda (Mandarino), Azer Rza-Zada (Principe di Persia), Barbara Rita Lavarian (Prima ancella) e Kjersti Odegaard (Seconda ancella). Regia tv di Patrizia Carmine.