domenica, Dicembre 6, 2020
Home > Lazio > Covid-19, ANIP-Confindustria: “Sanificazione è la ripartenza dell’Italia”

Covid-19, ANIP-Confindustria: “Sanificazione è la ripartenza dell’Italia”

sanificazione

COVID-19, ANIP-Confindustria: “Sanificazione è la ripartenza dell’Italia” . “La ‘fase 2’ per il Paese deve coincidere con una massiccia opera di sanificazione in tutti i contesti coinvolti nella ripartenza. Anzi lo diciamo con forza: la sanificazione è la ripartenza dell’Italia. Non solo perché è un’azione fondamentale per la difesa della salute pubblica, ma soprattutto perché è il presupposto stesso della ripresa della nostra economia e della nostra vita più in generale.

È  in corso il più grande intervento di igiene, pulizia e sanificazione in Italia, grazie alle imprese del comparto dei Servizi: un settore che viene continuamente definito strategico (e lo dimostra anche l’incentivo del credito d’imposta inserito nel dl ‘Cura italia)’, ma da parte del Governo non esiste ad ora nessun piano strutturale, nessun coordinamento, e ci sorprende che non ci sia nessun interlocutore che rappresenti questo settore nella task force della ripartenza prevista a Palazzo Chigi.

Sappiamo, perché operiamo da sempre in tal senso, che una maggiore pulizia, igiene e sanificazione sono alla base dell’auspicata fase di riapertura. Prendere un autobus, un treno, una metropolitana, entrare in banca, negli aeroporti, in tutti gli uffici pubblici e ospedali: sarà possibile farlo in sicurezza solo se immaginiamo di convivere con questo virus anche fuori dall’emergenza. Quindi, mi chiedo, chi controllerà se ambienti e persone saranno in condizione di igiene e salubrità, dunque adatti per circolare e lavorare in sicurezza? Da parte nostra c’è la completa volontà di aiutare il Paese e di collaborare con le istituzioni, ma chiediamo maggiore tutela per i nostri lavoratori, cui vanno assicurati i dispositivi di protezione individuale, e di essere direttamente coinvolti per una maggiore presa di coscienza dell’importanza dei Servizi in Italia, l’unico grande cantiere in grado di far ripartire l’Italia da subito”. Lo dichiara in una nota Lorenzo Mattioli, presidente di ANIP-Confindustria, l’associazione nazionale imprese di pulizia e servizi integrati di Confindustria.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *