domenica, Novembre 29, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film consigliato stasera in TV: “Karol – Un uomo diventato Papa” martedì 21 aprile 2020

Il film consigliato stasera in TV: “Karol – Un uomo diventato Papa” martedì 21 aprile 2020

film karol un uomo diventato papa

Il film consigliato stasera in TV: “Karol – Un uomo diventato Papa” martedì 21 aprile 2020 alle 21:20 su CANALE 5

Risultati immagini per KAROL UN UOMO DIVENTATO PAPA POSTER

Karol – Un uomo diventato papa (in polacco Karol – Człowiek, który został papieżem) è un biopic sulla vita di papa Giovanni Paolo II di coproduzione italopolacca , trasmessa per la prima volta in Italia su Canale 5 il 18 e 19 aprile 2005. Protagonista è l’attore Piotr Adamczyk con Raoul Bova, Małgorzata Bela, Ennio Fantastichini e Violante Placido che interpreta Karol Wojtyla dalla giovinezza fino all’elezione a sommo pontefice.

Il film biografico ebbe un seguito dal titolo Karol – Un papa rimasto uomo nel 2006 in onda sempre su Canale 5.

La vicenda inizia a Cracovia nel 1939, all’epoca dello scoppio dellaseconda guerra mondiale facente seguito all’invasione tedesca della Polonia. Il giovane studente universitario Karol Wojtyła, appassionato di teatro, è testimone della feroce repressione antislava e antisemita attuata dal governatore generale della Polonia occupata il generale delle SS Hans Frank. Contrario a seguire i suoi amici nella lotta armata clandestina, Karol si impegna attraverso il teatro a difendere la cultura e i valori etici ai quali crede. Il suo esempio è don Tomasz Zaleski (nella realtà Maximilian Kolbe), amico d’infanzia e adesso coraggioso uomo di Chiesa, che finirà giustiziato dai nazisti insieme a un soldato pentito, mentre il padre di Karol, da tempo vedovo, si ammala e muore. Questa, e tante altre morti di giovani innocenti, come alcuni suoi amici ebrei, spingeranno Karol ad entrare in seminario dopo una profonda crisi spirituale, dovuta a un incidente contro una camionetta tedesca: verrà ordinato sacerdote alla fine della guerra.

Successivamente si narrano le vicende di Wojtyła nel secondo dopoguerra fino all’elezione a papa. Il regime filosovietico instauratosi in Polonia tiene sott’occhio Wojtyła e il suo impegno tra i giovani come docente di Eticaall’Università. Tra i suoi allievi c’è anche Adam Zielinski, inviato in realtà dal partito a spiare le sue mosse e riferirle al dirigente comunista Julian Kordek. Wojtyła viene nominato vescovo e in tale veste appoggia le proteste operaie contro le dure condizioni di vita imposte dal governo. La messa di Natale, celebrata clandestinamente a Nowa Huta, il nuovo quartiere operaio diCracovia, sancirà l’ascendente di Wojtyła sul popolo polacco: persino l’esercito, inviato da Kordek, che viene arrestato a tradimento (comanderà solo in carcere), si rifiuta di sparare, mentre Adam confessa il suo segreto a Wojtyla, pentendosi. Nel 1978, dopo la morte inattesa di Giovanni Paolo I, in carica da solo 33 giorni, Wojtyła viene eletto papa con il nome di Giovanni Paolo II.

Regia di  Giacomo Battiato

Con: Piotr Adamczyk, Raoul Bova, Małgorzata Bela, Ennio Fantastichini e Violante Placido

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *