lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Mondo > Trump contro la Cina: “Alta fiducia che il virus provenga da laboratorio di Whuan”

Trump contro la Cina: “Alta fiducia che il virus provenga da laboratorio di Whuan”

Parlando alla Casa Bianca con la stampa, Trump ha detto di non poter spiegare di più. 

Nelloa stessa occasione, tuttavia, Trump ha affermato che gli Stati Uniti stanno ancora indagando sulle origini del virus.

“Dovremmo avere presto – prosegue Trump – evidenze definitive in relazione a questo aspetto”.

Gli scienziati che studiano il Covid-19 pensano che probabilmente si sia diffuso dai pipistrelli agli umani attraverso un animale ospite. Non hanno escluso una fuoriuscita accidentale di laboratorio ma lo ritengono improbabile. La Cina ha smentito l’ipotesi che il Coronavirus abbia avuto origine da un laboratorio.

A Trump è stato anche chiesto di un rapporto del Washington Post che porrebbe come concreta la possibilità di un annullamento del debito USA detenuto dalla Cina come ritorsione per la sua gestione del virus. La risposta è stata che ci sono altri modi per punire la Cina e questo non sarebbe un approccio intelligente per affrontare il problema a causa dell’effetto che una tale mossa avrebbe sulla valuta americana.

“Possiamo farlo – ha detto Trump – in altri modi, senza dover giocare a quel gioco”.

Trump ha accusato la Cina della diffusione di Covid-19 poiché la sua gestione della pandemia è stata scandagliata passo per passo. Ha accusato Pechino di aver trattenuto informazioni sull’epidemia di Wuhan e di aver esposto teorie non provate sull’origine della malattia.

I vertici dell’intelligence nazionale degli Stati Uniti avevano in precedenza rilasciato una dichiarazione che respingeva alcune teorie complottiste che avevano preso piede tra alcuni critici cinesi di estrema destra negli Stati Uniti.

“La comunità dell’intelligence concorda anche con l’ampio consenso scientifico sul fatto che il virus Covid-19 non sia stato creato dall’uomo o geneticamente modificato”, ha dichiarato il DNI, guidato da Richard Grenell, un lealista di Trump che è stato scelto per assumere temporaneamente il ruolo .

L’intelligence non ha ancora concluso se il virus abbia o meno avuto origine dal laboratorio di Wuhan. I funzionari “esamineranno rigorosamente le informazioni per determinare se l’epidemia sia iniziata attraverso il contatto con animali infetti o se sia stato il risultato di un incidente in un laboratorio a Wuhan”.

Mike Pompeo, il segretario di Stato che ha descritto la malattia come il “virus Wuhan”, ha accusato la Cina di aver distrutto campioni di virus. Ha anche criticato la Cina per non aver concesso l’accesso al laboratorio di Wuhan, che stava studiando i coronavirus dei pipistrelli, e ha sollevato la possibilità di un rilascio accidentale dalla struttura.

La reazione della Cina – La Cina ha subito reagito: le elezioni Usa sono “un affare interno”, ha ricordato il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang, auspicando che i politici americani “non trascinino” nella contesa anche Pechino. “Quanto a punizioni e responsabilità, questa retorica non ha alcuna base legale e non c’è alcun precedente internazionale. Minare ora gli sforzi degli altri finirà col danneggiare i propri”, ha aggiunto. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net