sabato, Ottobre 24, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Goldoni in TV del 4 maggio alle 16.35 su RAI 5: “La famiglia dell’antiquario” con Gianrico Tedeschi

Anticipazioni per il Grande Teatro di Goldoni in TV del 4 maggio alle 16.35 su RAI 5: “La famiglia dell’antiquario” con Gianrico Tedeschi

la famiglia dell'antiquario

Anticipazioni per il Grande Teatro di Goldoni in TV del 4 maggio alle 16.35 su RAI 5: “La famiglia dell’antiquario” con Gianrico Tedeschi

La famiglia dell'antiquario - Carlo Goldoni - YouTube

Oggi pomeriggio 4 maggio su RAI 5 alle 16.15 per il Grande Teatro di Goldoni sulle reti RAI, va in onda la commedia “La famiglia dell’antiquario” proposta nella versione scenica diretta da Carlo Lodovici e interpretata da Gianrico Tedeschi.

La famiglia dell’antiquario (o sia La suocera e la nuora) è una commedia teatrale di Carlo Goldoni del 1750, la sesta delle sedici promesse al capocomico Girolamo Medebach per quell’anno. È ritenuta la prima commedia classica di Goldoni. Per la prima volta i personaggi di Arlecchino e Brighella vengono sottratti all’improvvisazione degli attori e vengono dotati di un testo scritto per intero.

Fondata sul contrasto tra nobiltà impoverita e borghesia danarosa, l’opera non ebbe una buona accoglienza, ma fu riscoperta con fortuna nel Novecento.

Trama

Palermo. In casa dell’antiquario conte Anselmo Terrazzani il conflitto tra suocera (contessa Isabella) e nuora (Doralice, figlia del mercante Pantalone) pare essere senza fine per varie cause: la differenza di classe sociale, l’orgoglio, la disonestà dei servitori, i cattivi consiglieri. Tutto ciò non pare turbare il padrone di casa, che pensa solo al suo museo d’antichità per il quale spreca tutti i soldi e che verrà ingannato dal servitore Brighella, con l’aiuto del suo amico Arlecchino. L’unica persona che appare assennata è il vecchio ed onorevole Pantalone che pensa che, una volta cacciate le persone che fomentavano il litigio e tenute lontane per un po’ le due litiganti, alla fine suocera e nuora riusciranno a convivere.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *