giovedì, Giugno 4, 2020
Home > Marche > Ascoli Piceno, in due mesi oltre 4.500 telefonate al 113

Ascoli Piceno, in due mesi oltre 4.500 telefonate al 113

ascoli piceno

ASCOLI PICENO – Gran lavoro per il 113 della Polizia di Stato in questo periodo di virus, con quasi 4.500 richieste di soccorso giunte dallo scorso marzo alla Questura di Ascoli Piceno e al Commissariato di San Benedetto del Tronto. I poliziotti che rispondono al telefono sono sempre pronti ad aiutare chi è dall’altra parte della cornetta, spesso dicendo poche ma azzeccate parole che fanno breccia nel cuore di chi le ascolta. Ma sovente vanno inviati sul luogo del bisogno gli equipaggi della Squadra Volante che, con la lunga esperienza maturata sul campo, riescono ad approcciarsi bene anche con persone che denotato fragilità psicologiche. Proprio in questi ultimi giorni sono state riportate alla calma due persone che inveivano nelle loro abitazioni spaventando i vicini di casa e contattato un uomo per escludere che avesse l’intenzione di suicidarsi. Ma procediamo per ordine.

Il primo intervento delle Volanti è avvenuto due giorni fa, nella zona di Porta Cappuccina, quando al 113 è giunta la segnalazione di urla che provenivano da un appartamento. La pattuglia è andata sul posto e, dopo aver individuato la casa, gli agenti hanno suonato il campanello. Ha aperto un 40enne che, affranto, si è scusato con loro, dicendo che la madre era in sala operatoria e lui, preso dallo scoramento, aveva iniziato a urlare al telefono con l’ospedale perché non riusciva ad avere notizie su di lei. Gli agenti gli hanno dato da parlare e l’uomo, rassicurato anche sulle condizioni della mamma, si è calmato. Alla fine ha ringraziato la pattuglia e, resosi conto dell’accaduto, ha chiesto scusa per le urla.

Sempre a Porta Cappuccina due notti fa, una Volante è intervenuta presso uno stabile per le grida che provenivano da un appartamento. Dentro c’era un 58enne che aveva litigano con un altro condomino, sostenendo di essere da lui perseguitato. I poliziotti lo conoscevano bene, anche per le sue vicissitudini familiari. Gli hanno dato da parlare e, poco dopo, anche lui si è tranquillizzato.

Infine, sul Ponte di Cecco era stata segnalata la presenza di un uomo che, muovendosi da una parte all’altra nervosamente, si stava buttando giù. E’ accaduto ieri l’altro e, a quel punto, la Volante si è precipitata sul posto, ma era un falso allarme. Lui, un 53enne ascolano, stava solo pescando e, avendo calato gli ami con due canne nel sottostante fiume Castellano, si muoveva da un lato all’altro del ponte per tenerle a bada, ma non aveva l’intenzione di farla finita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *