mercoledì, Settembre 23, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Eduardo De Filippo in TV del 20 maggio alle 15.30 su RAI 5: “Li nepute de lu sinneco” di Eduardo Scarpetta

Anticipazioni per il Grande Teatro di Eduardo De Filippo in TV del 20 maggio alle 15.30 su RAI 5: “Li nepute de lu sinneco” di Eduardo Scarpetta

li nepute de lu sinneco con eduardo de filippo

Anticipazioni per il Grande Teatro di Eduardo De Filippo in TV del 20 maggio alle 15.30 su RAI 5: “Li nepute de lu sinneco” di Eduardo Scarpetta

Nepute.jpg

Oggi pomeriggio 20 maggio su RAI 5 alle 15.30 per il Grande Teatro di Eduardo De Filippo sulle reti RAI, va in onda la commedia “Li nepute de lu sinneco” nella versione diretta e interpretata nel 1975 da Eduardo De Filippo, con Luca De Filippo, Angelica Ippolito, Lina Sastri, Mario Scarpetta. . 

Li nepute de lu sinneco è una commedia scritta nel 1885 da Eduardo Scarpetta e dallo stesso autore rappresentata per la prima volta nello stesso anno.

Prefazione

Eduardo de Filippo nel testo intitolato Eduardo De Filippo presenta Quattro commedie di Eduardo e Vincenzo Scarpetta (edizioni Einaudi, Collana Gli struzziTorino 1974), di cui ha curato la redazione, scrive di voler presentare la carriera di drammaturgo di Eduardo Scarpetta attraverso le sue commedie più significative delle quali Lu curaggio de nu pompiere napulitano rappresenta il momento dell’esordio, Li nepute de lu sinneco il periodo più maturo artisticamente che raggiungerà la punta più alta con Na santarella. Dopo il ritiro dalle scene di Eduardo Scarpetta la sua opera fu ben proseguita dal figlio Vincenzo che con la quarta commedia ‘O tuono ‘e marzo ben s’inserisce nell’eredità scarpettiana.

Ciò che più ha caratterizzato l’arte di Eduardo Scarpetta e che si riflette in queste quattro opere, è stata, secondo Eduardo, la capacità di introdurre continui rinnovamenti non solo nella composizione delle sue commedie, ma in tutti gli aspetti dell’arte scenica: dalla recitazione, al trucco del volto, alle scene.

Con una breve introduzione a ciascuna delle commedie Eduardo poi si propone di dare alcune notizie su il mondo del teatro di allora.

Introduzione alla commedia

Riferisce Eduardo, nell’introduzione a questa commedia, alcune considerazioni di Eduardo Scarpetta che, nel suo libro di memorie Cinquant’anni di palcoscenico, si riprometteva di cambiare radicalmente la struttura della commedia napoletana.

Gli attori dovevano attenersi fedelmente al copione ed evitare quelle lunghe e, alla fine, noiose recitazioni a soggetto che avevano sino ad allora caratterizzato la farsa napoletana. Gli autori dei testi infine dovevano capire che non la plebe, triste e immiserita protagonista, può essere fonte di comicità nella commedia ma la borghesia con le sue ridicoli contraddizioni tra ciò che è e ciò che vuole apparire di essere, con il suo linguaggio semicolto che oscilla tra la lingua e il dialetto.

Quindi, come già avveniva nel teatro in lingua, Scarpetta diresse la sua attenzione alle pochades e ai vaudevilles di cui però conservava solo l’impianto di base, mentre modificava la trama, l’ambiente e i personaggi, questi ultimi attinti alla realtà sociale napoletana e alle tradizioni del teatro dialettale sino a rifarsi persino a certi personaggi dell’antica commedia dell’Arte con il risultato che le versioni napoletane degli originali francesi riuscivano per il pubblico superiori per interesse e comicità.

Così avvenne per questa commedia che tradotta dalla pièce originale francese Le droit d’un aine fu dapprima rappresentata in Napoli con il titolo Una notte fatale, nel 1882, dalla compagnia dei Franceschini ed accolta quasi ovunque con fischi e scarso interesse dal pubblico. Scarpetta invece credeva nelle possibilità comiche di questo vaudeville, e dopo averci lavorato a lungo, lo fece rappresentare con ll titolo Li nepute de lu sinneco ottenendo grandi successi di pubblico.

In questa fase della sua produzione artistica Scarpetta introdusse anche delle riforme nelle scene e nella recitazione. La scena ora veniva allestita in maniera lussuosa e sgargiante, gli attori, con un trucco del viso meno accentuato, indossavano costumi sfarzosi e, non più preoccupati di non voltare le spalle al pubblico, adottavano una recitazione più agile e spontanea.

La trama

Il sindaco di Pozzano, il benestante Ciccio Sciosciammocca, ha due nipoti, Felice, un bravo ragazzo che compie i suoi studi diligentemente a Milano, e Silvia, che per seguire un innamorato segreto, Achille, è scappata dal collegio. Ciccio ha deciso di lasciare la sua eredità a Felice che durante il viaggio per incontrare lo zio ha baciato casualmente una giovane, Nannina, ed ora è inseguito dal fratello di questa che gliela vuole far pagare. Avverte allora lo zio con una lettera che rimanderà la partenza per qualche tempo. Il suo biglietto però viene intercettato da Silvia che si traveste da uomo per sostituirsi a lui e presentarsi come se fosse Felice all’ingenuo zio. A questo però punto arriva anche Felice nelle vesti di donna per sfuggire al fratello della giovane da lui oltraggiata.

Nel corso della commedia la trama si intriga sempre di più sino alla conclusione finale dove si chiarisce tutto. Ciccio Sciosciammocca perdonerà i due intriganti nipoti che coroneranno i loro sogni d’amore: Silvia sposerà Achille e Felice la giovane compromessa Nannina.

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *