giovedì, Ottobre 28, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Lili Marlene – La guerra degli italiani” parte 1 del 10 giugno alle 21.15 su FOCUS

Anticipazioni per “Lili Marlene – La guerra degli italiani” parte 1 del 10 giugno alle 21.15 su FOCUS

la guerra degli italiani

Anticipazioni per “Lili Marlene – La guerra degli italiani” parte 1 del 10 giugno alle 21.15 su FOCUS (Canale 35)

Lili Marlene – La guerra degli italiani“, è il titolo del docufilm in prima visione assoluta in onda mercoledì 10 e giovedì 11 giugno alle ore 21.15 su Focus (canale 35 del telecomando).

Lili Marlene è una canzone, scritta durante la prima guerra mondiale ma diventata famosa nel corso del secondo conflitto mondiale, nonostante fosse osteggiata dal regime per il testo antimilitaristico. Della Seconda Guerra Mondiale sappiamo tutto e il contrario di tutto, ma certamente ciò che non sfugge ai più è l’inizio del conflitto mondiale. Per l’Italia, e soprattutto per gli italiani, è iniziata il 10 giugno 1940. Precisamente 80 anni fa

Così, la rete tematica diretta da Marco Costa che ha deciso di dedicare a questo anniversario due serate in cui il secondo conflitto mondiale sarà raccontato dal basso, dalle storie di cittadini comuni ma anche dalla voce di persone autorevoli (tra questi Giorgio Napolitano, Eugenio ScalfariGianni LettaDacia MarainiRenzo ArborePippo Baudo, le Gemelle Kessler Pupi Avati) che, per un motivo o per un altro, hanno vissuto la guerra in prima persona. 

Due puntate, dicevamo, nella prima – in onda mercoledì 10 giugno – saranno raccontate 5 storie, nella seconda altre 5: un’escalation che inizia con la visita in Italia di Hilter nel 1938 e finisce con il ritorno alla vita dopo la liberazione del 25 aprile 1945. 

Lili Marlene – La guerra degli italiani” è un prodotto originale VideoNews firmato da Pietro Suber (con la collaborazione di Amedeo Osti Guerrazzi, storico del fascismo, collaboratore della Fondazione Museo della Shoah di Roma, e Donatella Scuderi, autrice di soggetti e sceneggiature) che colpisce per il rigore storiografico e l’intensità dei fatti narrati.