mercoledì, Ottobre 27, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Passato e Presente”del 10 giugno alle 13.15 su Rai 3: l’Italia in guerra

Anticipazioni per “Passato e Presente”del 10 giugno alle 13.15 su Rai 3: l’Italia in guerra

l'italia in guerra

Anticipazioni per “Passato e Presente” con Paolo Mieli del 10 giugno alle 13.15 su Rai 3: l’Italia in guerra

(none)

Su Rai3 quel 10 giugno del 1940

Tra il 30 settembre del 1938, data della conferenza di Monaco, e il 10 giugno del 1940, data in cui annuncia l’ingresso dell’Italia nella Seconda guerra mondiale, Benito Mussolini passa dall’essere il “salvatore della pace” europea a colui che, schierandosi nel conflitto al fianco di Hitler, “pugnala alla schiena” la Francia, come dirà Roosevelt. A “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 10 giugno alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia, il professor Amedeo Osti Guerrazzi ripercorre, insieme a Paolo Mieli, le tappe principali del percorso che ha portato il Duce alla scelta interventista, dopo un’iniziale prudenza dettata soprattutto dall’impreparazione delle forze armate italiane ad affrontare un conflitto su larga scala. Un percorso che passa attraverso l’invasione dell’Albania dell’aprile 1939, la successiva stipula del “patto d’acciaio” con la Germania, la dichiarazione di “non belligeranza” dopo l’invasione della Polonia da parte dei nazisti e la reazione di Francia e Gran Bretagna, l’incontro cruciale tra Mussolini e Hitler al Brennero nel marzo del 1940. Alla fine, il Duce, è convinto di poter banchettare a buon mercato al tavolo del vincitore, rompe gli indugi e il 10 giugno annuncia agli italiani che “l’ora delle decisioni irrevocabili” è arrivata e che “la dichiarazione di guerra è già stata consegnata agli ambasciatori di Gran Bretagna e Francia”. Ma dietro l’illusione di partecipare a una “guerra lampo”, manca una visione militare strategica, come testimonia il discorso pronunciato quel giorno dal balcone di Piazza Venezia a Roma, uno dei peggiori di Mussolini secondo l’opinione condivisa degli storici. Tra gli italiani, che fin lì hanno seguito il Duce a larga maggioranza, cominciano a serpeggiare dubbi e timori che in pochi giorni trovano conferma nel fallimentare attacco alla Francia, già sottomessa dai nazisti.