mercoledì, Giugno 23, 2021
Home > Mondo > Coronavirus, i dati in America Latina. L’Oms: “Il peggio deve ancora arrivare”

Coronavirus, i dati in America Latina. L’Oms: “Il peggio deve ancora arrivare”

covid

Resta netta la crescita della curva della pandemia da coronavirus in America Latina, ma con segnali di minor forza sia per i contagi, ora a quota 2 mililoni 530.106 (+45.474), sia per i morti: 113.689 (+1.755).

Il Brasile, primo Paese del Continente e secondo al mondo per contagi e morti, registra un incremento di 24.052 casi, dopo i 30.476 di ieri, per un totale di 1 milione 368.195. Il numero di decessi sale a 113.689, +692 nelle 24 ore, un dato molto al di sotto di quelli riscontrati nelle settimane scorse.

Dall’Oms arriva nel frattempo un messaggio poco rassicurante.

 “Il peggio deve ancora arrivare. Mi dispiace dirlo ma con questo ambiente e in queste condizioni, noi temiamo il peggio. Un mondo diviso aiuta il virus a diffondersi”. Lo ha detto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel consueto briefing sul Covid-19. “Sin dall’inizio abbiamo detto di mettere in quarantena la politicizzazione della pandemia e di restare uniti perche’ il virus è veloce e uccide e può sfruttare le divisioni tra di noi. Il nostro messaggio non riguarda nessun Paese in particolare ma riguarda tutto il mondo”, ha ribadito il direttore.

E ha aggiunto: “Sono trascorsi ormai sei mesi da quando l’Oms ha ricevuto le prime notizie di focolai di polmonite dalla causa sconosciuta in Cina. Sei mesi fa nessuno di noi avrebbe potuto immaginare come la nostra vita sarebbe stata stravolta. La pandemia ha tirato fuori il meglio e il peggio dell’umanità”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.