martedì, Agosto 11, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film consigliato stamattina in TV: “We were Soldiers – Fino all’ultimo uomo” venerdì 3 luglio 2020

Il film consigliato stamattina in TV: “We were Soldiers – Fino all’ultimo uomo” venerdì 3 luglio 2020

film-we-were-soldiers-fino-all-ultimo-uomo
Il film consigliato stamattina in TV: “We were Soldiers – Fino all’ultimo uomo” venerdì 3 luglio 2020 alle 10:20 su IRIS (Canale 22)  We Were Soldiers.jpg
We Were Soldiers – Fino all’ultimo uomo (We Were Soldiers) è un film del 2002 diretto da Randall Wallace con Mel Gibson, Madeleine Stowe, Greg Kinnear e Keri Russell. La trama ruota attorno alla Battaglia di Ia Drang, uno degli scontri più violenti e importanti del conflitto tra le forze americane e l’esercito nordvietnamita. Il film si basa sul libro We Were Soldiers Once … And Young del tenente colonnello Hal Moore, non più in servizio, e del reporter Joseph Galloway, i quali, entrambi, presero parte alla battaglia Il comandante del Primo Battaglione del 7º Reggimento Cavalleria, 1ª Divisione Cavalleria (Aeromobile) Hal G. Moore è un ufficiale di lunga esperienza militare che, con le sue truppe, si accinge a combattere per la prima volta in Vietnam. Il film illustra (come in Full Metal Jacket di Stanley Kubrick) dapprima l’addestramento dei soldati e poi il trasferimento sul teatro degli scontri, in particolare nella valle del fiume in secca Ia Drang. Prima di partire per il Vietnam Moore fa un discorso al suo battaglione:
«Non vi posso garantire che vi riporterò tutti vivi a casa, ma giuro solennemente davanti a voi e a Dio onnipotente che al momento di combattere io sarò il primo a scendere sul campo di battaglia e sarò l’ultimo ad abbandonarlo. E non mi lascerò nessuno di voi alle spalle. Vivi o morti vi giuro, ritorneremo tutti insieme a casa. E che Dio mi aiuti.»
Durante l’ultima notte trascorsa a Fort Benning, dove gli ufficiali si sono trasferiti con le proprie famiglie prima della partenza, viene celebrata una festa a cui partecipano i vertici militari. In quel frangente, Moore scopre da un suo superiore che la sua unità è stata rinominata 1º Battaglione del 7º Reggimento Cavalleria: lo stesso del Generale Custer, che era stato massacrato a Little Big Horn. Inoltre, siccome il presidente Lyndon B. Johnson non aveva dichiarato lo stato d’emergenza nazionale, il battaglione di Moore sarebbe stato ridotto dei suoi soldati più anziani e meglio addestrati, circa un terzo del suo organico. L’azione passa dunque alla battaglia e mostra con cura l’organizzazione delle forze vietnamite e il loro capo che, dall’interno di un bunker sotterraneo, dà gli ordini e coordina i movimenti della sua divisione, circa 4000 uomini. La battaglia è violentissima e gli uomini di Moore periscono in gran numero ma, con un colpo di scena finale, riescono ad aver la meglio sulle truppe vietnamite. La fine delle ostilità, durate tre giorni, sembrerebbe suggerire che gli Stati Uniti abbiano vinto la battaglia; in realtà non fu così, poiché nessuna delle due parti raggiunse pienamente il proprio obiettivo e, relativamente all’esito della guerra, gli scontri si conclusero sostanzialmente con una situazione di stallo. Regia di Randall Wallace Con: Mel Gibson, Madeleine Stowe, Greg Kinnear e Keri Russell Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com