giovedì, Ottobre 28, 2021
Home > Marche > Omicidio Cianfrone, a breve la verità dei Ris

Omicidio Cianfrone, a breve la verità dei Ris

cianfrone

ASCOLI PICENO – Gli inquirenti non hanno dubbi: ad esplodere i tre colpi di arma da fuoco che hanno ucciso l’ex carabiniere Antonio Cianfrone sarebbe stato l’uomo che è stato arrestato insieme alla moglie in relazione al delitto avvenuto lo scorso 3 giugno.

La coppia è residente a Spinetoli e molto nota in città. Di recente sono stati disposti dalla Procura ed effettuati ulteriori accertamenti sugli abiti e sul casco dell’uomo, questo per riscontrare l’eventuale presenza di residui di polvere da sparo. L’esito degli esami, affidati ai Ris, dovrebbero essere resi noti tra una settimana, dieci giorni al massimo. Ma l’accusa non ha dubbi: a sparare è stato lui.

Contro la coppia esistono testimonianze, intercettazioni telefoniche e riscontri degli impianti di videosorveglianza. E l’accusa non vacilla sulla loro colpevolezza. L’arma del delitto, malgrado voci di paese lasciassero intendere il contrario, non è stata ancora trovata. Ma le indagini, ovviamente, proseguono.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net