domenica, Ottobre 25, 2020
Home > Lazio > Sicurezza, Rachele Mussolini: “Campidoglio si costituisca parte civile per aggressione Casilino”

Sicurezza, Rachele Mussolini: “Campidoglio si costituisca parte civile per aggressione Casilino”

via bonn

Roma – Così in una nota Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale: «Occorre dare subito un segnale forte nei confronti di qualsiasi episodio di violenza, criminalità, illegalità o degrado urbano e ambientale.

Per questo, sulla scia dell’aggressione avvenuta lunedì sera al Casilino ai danni di una giovane donna, ho presentato questa mattina una interrogazione urgente alla Sindaca. Ora mi aspetto che intervenga in maniera severa e immediata affinché episodi come questi non si verifichino mai più.

Non deve passare inosservato che l’aggressore, un cittadino di nazionalità indiana senza dimora, lavoro e permesso di soggiorno ma con alle spalle una lunga storia di illeciti reiterati, non è nuovo a questo genere di “prodezze”. Prima di colpire Alice, infatti, aveva preso di mira con grossi sassi acuminati altre vetture, ovviamente sempre senza alcun motivo.

Purtroppo il Casilino, già in passato, in molteplici occasioni, è stato teatro di violenze e fatti criminali, come quello che ha portato al massacro di Pamela Mastropietro, e di episodi di ordinaria follia, spesso perpetrati da clandestini e senza fissa dimora. Sassaiole come quella di cui è stata vittima questa giovane donna sono all’ordine del giorno e mettono continuamente a rischio i residenti e gli automobilisti impegnati a percorrere la via Casilina.

In quest’area della città non mancano, tuttavia, nemmeno altre testimonianze di crescente degrado: dagli immigrati che defecano indisturbati e a cielo aperto un po’ ovunque a spacciatori e ubriachi che, soprattutto durante le ore notturne, si impossessano delle strade del quartiere. Credo che sia davvero arrivato il momento di prendere posizione e mettere un freno a tutto questo. Ne va della sicurezza dei cittadini, che sono sempre più esasperati da queste situazioni, e di rispetto nei confronti della nostra città».

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *