martedì, Novembre 24, 2020
Home > Marche > Abbandono scolastico: i numeri delle Marche e province

Abbandono scolastico: i numeri delle Marche e province

Ancona – In attesa della ripresa delle lezioni scolastiche a settembre, con le incognite legate al distanziamento sociale, è utile riepilogare la situazione relativa l’abbandono scolastico. L’Italia è uno dei paesi Ue più colpiti da questo fenomeno rappresentativo della povertà educativa. Per abbandono scolastico si considera la percentuale di giovani tra i 18-24 anni che hanno lasciato gli studi con la sola licenza media

L’abbandono colpisce i ragazzi e le ragazze che lasciano il proprio percorso di studi prima del tempo, senza conseguire il diploma. Un fenomeno che riguarda in particolare i giovani che provengono da contesti sociali ed economici svantaggiati. Nel 2019 nel nostro paese il 13,5% dei residenti tra 18-24 anni ha lasciato la scuola con la sola licenza media. Una quota che è tra le più alte in Europa. La regione con il dato peggiore è la Sicilia con il 22,3%.

La migliore è la Provincia Autonoma di Trento con il 6,80%. Che dire delle Marche? I dati sono buoni in quanto la regione registra solo l’8,70% di abbandoni scolastici, che non sono pochi, ma che piazza la regione al quarto posto come percentuale minima di abbandoni, preceduta oltre che da Trento, dal Veneto (8,40%) e Friuli Venezia Giulia (8,60%).

A livello provinciale la miglior performance va alla provincia di Ascoli Piceno con il 6,27%, sesta migliore posizione in Italia. Poi la provincia di Pesaro/Urbino con il 9,34%, quella di Ancona con il 10,47%, seguita da Macerata con l’11,45% e da Fermo con il 12,52%.

A livello nazionale al primo posto la provincia di La Spezia con il 4,76% di abbandoni scolastici. In coda Caltanissetta, dove il 27,07% dei ragazzi abbandona la scuola senza aver conseguito il diploma.

In Europa è la Croazia il Paese più disciplinato scolasticamente parlando, visto che la percentuale di abbandoni è solo del 2,8%. Numeri buoni anche per la Lituania (4,9%) e la Slovenia (5,2%). In Francia sono il 10,3%, in Germania il 10,6% e in Gran Bretagna il 12,1%.

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Roberto Guidotti
Giornalista pubblicista iscritto all'Albo dei giornalisti delle Marche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *