martedì, Ottobre 27, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro in TV del 16 luglio alle 15.35 su RAI 5: “Radici”

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV del 16 luglio alle 15.35 su RAI 5: “Radici”

radici

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV del 16 luglio alle 15.35 su RAI 5: “Radici”

Radici 8/8 - YouTube

Per il Grande Teatro in TV oggi pomeriggio 13 luglio alle 15.45 va in onda su Rai 5 il dramma “Radici” scritto da Arnold Wesker.

La opera teatrale è proposta nell’edizione televisiva realizzata nel 1971 con la regia di Maurizio Scaparro e l’interpretazione di Adriana Innocenti e Lea Massari

Radici (Roots) (1958) è il secondo spettacolo di Arnold Wesker nella trilogia politica di Wesker. [1] La prima parte è Chicken Soup with Barley e la commedia finale è I’m Talking about Jerusalem . [2] Radici si concentra su Beatie Bryant mentre fa il passaggio dall’essere una donna della classe operaia non istruita, ossessionata da Ronnie, il suo fidanzato liberale invisibile, a una donna che può esprimere se stessa e le lotte del suo tempo. È scritto nel dialetto Norfolk delle persone su cui si concentra, ed è considerato uno dei drammi del lavello della cucina di Wesker. Roots è stato presentato per la prima volta al Teatro di Belgrado ,Coventry maggio 1959 con Joan Plowright in testa [3] prima del trasferimento al Royal Court Theatre , Londra . [4]

Atto 1

Beatie ritorna nella sua nativa Norfolk per stare con sua sorella.

Atto 2

Beatie visita i suoi genitori.

Atto 3

Beatie e la sua famiglia attendono l’arrivo di Ronnie, fino a quando arriva una sua lettera che annuncia che sta lasciando Beatie.

Estratto

“Pensi che contiamo davvero? Non vuoi far caso a quello che dicono tutti questi giornali sugli operai che sono importanti in questi giorni – è tutto squit!” Perché non lo siamo. Pensi quando il vero talento le persone nel paese si mettono al lavoro si mettono al lavoro per noi? Inferno se lo fanno? Pensi che non sappiano che non faremo lo sforzo? Gli scrittori non scrivono pensando che possiamo capire, né i pittori don dipingiamo aspettandoci che siamo interessati – che non lo facciano, né i compositori distribuiscono musica pensando che possiamo apprezzarla. “Blust”, dicono, “le masse sono troppo stupide per farci scendere a loro. Blust “, dicono,” se non fanno nessuno sforzo, perché dovremmo preoccuparci? “Quindi sai chi vieni? I cantanti slop e gli scrittori pop e i cineasti e le riviste femminili e i giornali scandalistici e le storie d’amore delle strisce di foto – ecco che arrivano, e non devi fare nessuno sforzo per loro, è facile … tutto il mondo commerciale puzzolente ci insulta e non ci importa niente. Bene, Ronnie ha ragione: è colpa nostra. Vogliamo il terzo tasso – ce l’abbiamo! “[5]

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *