domenica, Gennaio 23, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Overland 20” del 19 luglio alle 7 su RAI 1: dalla Liberia alla Sierra Leone

Anticipazioni per “Overland 20” del 19 luglio alle 7 su RAI 1: dalla Liberia alla Sierra Leone

overland africa 19 luglio

Anticipazioni per “Overland 20” del 19 luglio alle 7 su RAI 1:  dalla Liberia alla Sierra Leone

(none)

Su Rai1 post-colonialismo e Guerre Civili

Domenica 19 luglio alle 7.05 su Rai1 viene riproposto il viaggio di Overland per approfondire la storia della Liberia, attanagliata da Guerra Civile e malgoverno. Il primo impatto è quello col degrado nella gestione dei rifiuti: ovunque per le strade, in riva al mare, al centro di cortili e piazze, si trovano cumuli di spazzatura, che purtroppo vengono bruciati o seppelliti senza preoccuparsi troppo delle conseguenze sulla salute: effetti che il team ha provato, seppur per pochi giorni di permanenza. Appena possibile, hanno campeggiato in riva all’oceano, ammaliati da panorami indimenticabili…e nonostante un insabbiamento li abbia tenuti svegli una notte intera, sono stati entusiasti della scelta. Lasciati i mezzi sulla terraferma per una breve escursione in barca sull’Isola delle Scimmie, dove vengono ospitati esemplari di scimpanzé che sono stati cavie da laboratorio.

L’intervento del Direttore dell’Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo, Federico Soda, in occasione di una serata di CinemArena, l’evento solidale che il team accompagna nelle zone più disagiate dell’Africa occidentale, ha arricchito la conoscenza sulla situazione attuale del fenomeno migratorio. Una nuova dogana, un nuovo mondo da conoscere: si entra in Sierra Leone, sulla rotta verso il lento rientro per l’Italia. Anche questo Paese è stato martoriato dalla Guerra Civile e condivide tanti problemi con i Paesi limitrofi già visitati. Ma si scova un piccolo paradiso dove regnano pace e convivenza, la cittadina di York, nata nel periodo post-coloniale per ospitare il popolo Krio, una mescolanza di etnie liberata dalla schiavitù statunitense e inglese.