lunedì, Aprile 19, 2021
Home > Mondo > Coronavirus, la speranza arriva dal vaccino di Oxford

Coronavirus, la speranza arriva dal vaccino di Oxford

biella

“Possiamo fermare il Covid-19. Non dobbiamo aspettare il vaccino, dobbiamo fermare la pandemia ora”. Lo ha detto il direttore dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus nel briefing a Ginevra.

“Dobbiamo supportare e accelerare con il vaccino, ma dobbiamo anche salvare vite ora utilizzando gli strumenti che abbiamo”, ha aggiunto. Ribadendo che il tracciamento è “essenziale per trovare e isolare i contagiati e mettere in quarantena i loro contatti” e per prevenire i “focolai locali”. Le “misure di lockdown possono aiutare a ridurre la trasmissione, ma non possono fermarla”, ha concluso.

Nel frattempo la speranza arriva da Oxford. Gli scienziati dell’Università affermano che Il vaccino contro il coronavirus del Jenner Institute della Oxford University, con la collaborazione dell’azienda biotech italiana Irbm di Pomezia, “ha indotto una forte risposta immunitaria e anticorpale fino al 56/mo giorno della sperimentazione in corso”.

I ricercatori britannici hanno iniziato a testare il vaccino ad aprile in circa 1.000 persone. Tali prime prove sono state studiate per valutare la sicurezza e vedere che tipo di risposta immunitaria viene generata.

Nella ricerca pubblicata lunedì sulla rivista Lancet, gli scienziati hanno affermato di aver scoperto che il loro vaccino sperimentale COVID-19 ha prodotto una doppia risposta immunitaria nelle persone di età compresa tra 18 e 55 anni, che è durata almeno due mesi dopo l’immunizzazione.

“Stiamo assistendo a una buona risposta immunitaria in quasi tutti”, ha dichiarato il dott. Adrian Hill, direttore del Jenner Institute dell’Università di Oxford. “Ciò che questo vaccino fa particolarmente bene è innescare entrambe le braccia del sistema immunitario”, ha detto.

Hill ha affermato che vengono prodotti anticorpi neutralizzanti, molecole che sono fondamentali per bloccare l’infezione. Inoltre, il vaccino provoca anche una reazione nelle cellule T del corpo, che aiuta distruggendo le cellule che sono state rilevate dal virus.

Il vaccino sperimentale COVID-19 ha causato effetti collaterali tollerabili come febbre, brividi e dolori muscolari.

Hill ha affermato che sono ancora in corso studi più ampi per valutare l’efficacia del vaccino, che coinvolgono circa 10.000 persone nel Regno Unito e partecipanti in Sud Africa e Brasile. Un altro processo dovrebbe essere presto avviato negli Stati Uniti, con l’obiettivo di arruolare circa 30.000 persone.

La rapidità con cui gli scienziati saranno in grado di determinare l’efficacia del vaccino dipenderà in gran parte dal numero di soggetti coinvolti, ma Hill ha stimato che se ci fossero dati sufficienti per dimostrare l’efficacia del vaccino, l’immunizzazione di alcuni gruppi ad alto rischio in Gran Bretagna potrebbe iniziare a dicembre.

Ha inoltre dichiarato che il vaccino sembrerebbe produrre un livello comparabile di anticorpi rispetto a quelli prodotti da persone che si sono riprese da un’infezione da COVID-19 e spera che la risposta delle cellule T possa fornire una protezione ancora maggiore.

Hill ha affermato che i ricercatori stanno anche considerando di condurre una sperimentazione di “sfida” entro la fine del 2020, un test eticamente controverso in cui i partecipanti sarebbero deliberatamente infettati da COVID-19 dopo essere stati immunizzati per vedere se il vaccino sia realmente efficace.

Numerosi paesi, tra cui Germania, Francia, Paesi Bassi, Italia, Stati Uniti e Regno Unito hanno tutti firmato accordi per ricevere centinaia di milioni di dosi del vaccino di Oxford – che non è stato ancora autorizzato – con le prime consegne previste per l’autunno.

Anche i ricercatori cinesi hanno pubblicato uno studio sul loro vaccino sperimentale COVID-19 su Lancet lunedì. Avrebbero utilizzato una tecnica simile a quella degli scienziati di Oxford. Hanno riferito che nel loro studio su circa 500 persone è stata rilevata una risposta immunitaria, anche se non possono dire se le persone siano protette dalla malattia perché non esposte successivamente alla COVID-19.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

One thought on “Coronavirus, la speranza arriva dal vaccino di Oxford

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *