domenica, Settembre 27, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Eduardo De Filippo in TV del 25 luglio alle 17.10 su RAI 5: “Questi fantasmi”

Anticipazioni per il Grande Teatro di Eduardo De Filippo in TV del 25 luglio alle 17.10 su RAI 5: “Questi fantasmi”

questi fantasmi

Anticipazioni per il Grande Teatro di Eduardo De Filippo in TV del 25 luglio alle 17.10 su RAI 5: “Questi fantasmi”

(none)

“Questi fantasmi” nella versione televisiva del 1962, diretta e interpretata da Eduardo De Filippo, sul palco con Elena Tilena e Pietro Carloni. E’ la commedia in tre atti “Questi Fantasmi” – composta nel ’45 e la prima di Eduardo ad essere messa in scena a Parigi nel ’55 – che Rai Cultura propone sabato 25 luglio alle 17.15 su Rai5 (canale 23), nell’ambito dell’omaggio allo scrittore, commediografo e attore nel 120° anniversario della nascita.
L’ingenuo Pasquale Lojacono accetta di trasferirsi con la moglie Maria in un palazzo che tutti credono infestato dai fantasmi. Maria ha uno spasimante, Alfredo, a cui resiste ma che le recapita ogni sera doni costosi nel palazzo. Pasquale crede che i regali siano segno della presenza propizia dei fantasmi. La moglie, esasperata dall’incomprensibile ingenuità del marito, decide infine di fuggire con l’amante. Questi però una notte ode Pasquale rivolgersi al fantasma affinché non cessi di recargli i suoi doni, in modo che la moglie non lo abbandoni e sia felice al suo fianco. Alfredo colpito dal candore e dalla bontà del “rivale”, accantona i progetti di fuga e lascia alla coppia, in veste di fantasma, una cospicua quantità di denaro. 

Questi fantasmi! è una commedia in tre atti, scritta nel 1945 ed interpretata da Eduardo De Filippo il 7 gennaio 1946, al Teatro Eliseo di Roma, con la Compagnia «Il Teatro di Eduardo con Titina De Filippo».

Questa fu la prima commedia di Eduardo rappresentata all’estero: il 7 giugno 1955 a Parigi, al Théâtre de la Ville – Sarah Bernhardt, in occasione del “Festival internazionale d’arte drammatica”.

Dall’opera fu tratto un film omonimo, diretto da Eduardo stesso ed interpretato da Renato RascelErno Crisa e Franca Valeri. Nel 1962 ne venne realizzata una produzione per la televisione diretta ed interpretata dallo stesso Eduardo De Filippo. Infine nel 1967, con la regia di Renato Castellani, e con interpreti Vittorio Gassman e Sophia Loren, fu tratto un film che stravolge la commedia di Eduardo riducendola ad una sorta di farsa alla napoletana.

Nell’autunno del 1981, Enrico Maria Salerno diresse e interpretò un’edizione dell’opera da lui stesso adattata in italiano, mantenendo il dialetto solo per il personaggio del portinaio, affidato all’attore “eduardiano” Antonio Casagrande.

«I fantasmi non esistono… li creiamo noi, siamo noi i fantasmi!»
(Pasquale Lojacono in Questi fantasmi!)
Questi fantasmi.JPG

Trama

Ancora una volta, come avviene in molte commedie di Eduardo, il sipario si apre con il palcoscenico al buio. È la commedia della vita che sta per nascere dal buio.

La luce fioca di una candela illumina lo stanzone d’ingresso di un appartamento che si intuisce molto grande. Il “guardaporte”, il portinaio Raffaele, fa strada con la luce di una candela a dei facchini che stanno con grande fatica portando nell’appartamento pesanti suppellettili. I facchini stanno per tornare al pianterreno per portare gli altri mobili ma Raffaele, dopo aver in fretta aperto dei finestroni che illuminano lo stanzone, impedisce loro di scendere. Preferisce attendere l’arrivo dell’inquilino Pasquale Lojacono e, mentre aspetta, rubacchia dalle ceste quello che gli può essere utile.

Finalmente arriva Pasquale con una gallina stretta sotto il braccio, ormai morta soffocata, e con nelle mani una gabbietta con un canarino e un fascio di ombrelli. Pasquale si lamenta di avere aspettato inutilmente i facchini dabbasso ma Raffaele li giustifica dicendo che è stato lui a trattenerli per la paura di rimanere solo.

Pasquale si meraviglia dell’eccessiva paura del portinaio, ma questi gli racconta che quel palazzo è molto antico, risale alla dominazione spagnola di Napoli quando il grande di Spagna, Rodriguez Lòs Deriòs (come pronuncia Raffaele), che aveva “odorato il fieto del miccio”[1], che cioè aveva capito che sua moglie lo tradiva, si mise “appiattolato” (si appostò di nascosto) e sorpresi i due amanti li aveva fatti murare vivi nella stessa stanza dove avevano fatto la “schifezza”. E come se non bastasse, racconta Raffaele, la sua stessa sorella, Carmela, aveva visto un fantasma e da quel momento era diventata canuta e “scema”.

Pasquale comincia a preoccuparsi e a guardarsi intorno impaurito. Prima di tornare nella portineria, Raffaele riferisce quanto è stato incaricato dai proprietari di dire al nuovo inquilino. Soggiornerà a titolo gratuito nel grande, antico appartamento, ma a delle condizioni: dovrà fare il giro dei sessantotto balconi attirando l’attenzione dei vicini battendo tappeti, cantando e ridendo, di modo che la gente non creda più che il palazzo sia infestato dai fantasmi.

Pasquale accetta tutte le strambe condizioni, anche a costo di sembrare matto: questa è l’ultima occasione per cambiare la sua vita e quella di sua moglie. Decide perciò di rimanere nonostante i fantasmi: vuole trasformare l’appartamento in una pensione e in questo modo sistemare la sua ormai critica situazione economica e riconquistare la stima e l’amore di sua moglie Maria.

Nel frattempo i facchini hanno portato un grande armadio che hanno sistemato nell’ingresso e se ne sono andati. Pasquale lascia la stanza d’ingresso per parlare con sua moglie, nel frattempo sopravvenuta. Nella stanza d’ingresso, ormai vuota, si aprono cigolando i battenti del grande armadio dal quale esce un giovane che mette su un tavolo un mazzo di fiori e un pacchetto che apre tirandone fuori un pollo arrosto che sistema in un piatto: ciò fatto se ne ritorna nell’armadio. Pasquale rientrato nella stanza nota i fiori e chiede alla moglie se è stata lei a portarli, ma lei nega ed allora pensa che evidentemente i fantasmi lo abbiano preso in simpatia portandogli dei regali di benvenuto.

In realtà il “fantasma” benefico è Alfredo, un uomo sposato e con figli, divenuto l’amante di Maria che vuole convincere a lasciare il marito: egli con i suoi denari penserà a consolare dell’abbandono Pasquale fornendogli, nelle vesti di fantasma, il denaro di cui ha bisogno per arredare la sua pensione e avviare la sua nuova attività.

Mentre Maria e Alfredo, uscito nuovamente dall’armadio, stanno parlando, torna Lojacono allontanatosi di casa per comprare delle candele. Nella penombra Pasquale scorge Alfredo che, con mosse lente e studiate esce dalla stanza sparendo, con un ultimo inchino di saluto allo stupefatto e terrorizzato Pasquale convinto di aver incontrato un fantasma buono.

La commedia prosegue con la scena di Pasquale che, tranquillamente seduto sul balcone, sta chiacchierando con il pettegolo professore dirimpettaio, Santanna (descritto nella presentazione dei personaggi della commedia come «anima utile ma che non compare mai»), spiegandogli come basti poco per essere felici: così come lo è lui quando può bersi un caffè da lui stesso preparato con cura[2].

Le cose non vanno bene per Lojacono, nonostante i generosi aiuti del benefico “fantasma” nessuno ha ancora frequentato la sua pensione.

Proprio di questo egli sta discutendo con sua moglie che gli chiede se si sia mai chiesto da dove provengono quei soldi con cui ha potuto affrontare le prime spese. Pasquale sostiene che non gli importa, egli vuole vivere bene e non si fa domande su chi paghi. La moglie, convinta che il marito sappia della sua relazione, e faccia finta di niente, è ormai decisa a lasciarlo.

Pasquale, invece, crede veramente nell’aiuto extraterreno ed ora è sempre più disperato perché il fantasma buono sembra averlo, senza ragione, abbandonato non facendogli più trovare denari in una tasca di una giacca.

Pasquale gli tenderà allora una trappola per sorprenderlo e chiedergli quanto ha bisogno. Fingerà di partire, ma invece si nasconderà sul balcone.

Il suo piano avrà effetto: sorprenderà Alfredo venuto per fuggire con la sua amante. Pasquale lo implora di aiutarlo e di non abbandonarlo altrimenti perderà tutto ma soprattutto sua moglie che ama profondamente. Alfredo si commuove e, convinto della ingenua buona fede di Pasquale, gli lascerà sul tavolo, annunziandogli la sua definitiva scomparsa, un fascio di denari con i quali era intenzionato a pagare la sua fuga con l’amante a cui ha ormai rinunciato.

Pasquale, invasato dalla gioia, contando i biglietti di banca e mostrandoli al professor Santanna – che naturalmente assisteva alla scena sul balcone di fronte – lo ringrazia per avergli suggerito lo stratagemma della finta partenza, e gli dice: «Mi ha lasciato una somma di denaro… però dice che ha sciolto la sua condanna… che non comparirà mai più… Come?… Sotto altre sembianze? È probabile. E speriamo…»

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *