mercoledì, Settembre 30, 2020
Home > Abruzzo > Chieti, individuati autori di “sextortion” in danno di un uomo

Chieti, individuati autori di “sextortion” in danno di un uomo

velletri

CHIETI – La Squadra Mobile della Questura di Chieti ha accertato la commissione, sul territorio di questa provincia, di alcuni episodi di c.d. “sextortion”, vale a dire estorsioni che vengono effettuate dopo aver indotto le parti offese a scambiare immagini e video hard sulla rete, attività criminale molto redditizia e portata a termine soprattutto nei confronti di soggetti di sesso maschile.In particolare, durante conversazioni che avvengono in chat specifiche o su Facebook, le vittime vengono contattate da donne avvenenti che, ottenuto il consenso di parlare via Skype, si denudano mostrando, tramite web cam, le parti intime interamente o solo parti di esse.

All’inizio  non  vi  è  alcuna  richiesta  di  denaro,  il  tutto  avviene  nell’ambito  di  un  gioco  erotico assolutamente consensuale. Ci si scambia video o fotografie sessualmente esplicite poiché nel corso delle conversazioni viene richiesto anche all’uomo di denudarsi e mostrarsi via web cam Ottenute le foto o i video si passa al ricatto, alla richiesta estorsiva. Alla persona che si è  concessa alla web cam denudandosi, viene richiesta una somma di denaro al fine di non divulgare le immagini a terzi, in particolare alla cerchia di amici e parenti noti ai malviventi avendo acquisito le loro generalità dalla lista dei contatti presenti su Facebook o su altri social. Qualora il denaro richiesto non venga inviato o venga inviata una somma non ritenuta congrua, si passa a minacce, anche gravi.

Questo è quello che è accaduto ad un uomo di circa 40 anni residente in provincia di Chieti, il quale, nel febbraio del corrente anno, ha dato l’avvio ali’ indagine sporgendo denuncia a carico di ignoti presso questa Questura. Il predetto, infatti, essendo incorso proprio in una richiesta estorsiva di questo genere, volendo evitare la divulgazione delle sue foto, aveva effettuato il pagamento solo di una piccola tranche della somma che gli era stata richiesta. Tuttavia aveva continuato a subire pressanti ed ulteriori richieste di denaro nonché minacce rivolte a sé ed ai propri familiari. Pertanto, non essendo più in grado di gestire la vicenda, si era rivolto alla Polizia di Stato denunciando l’accaduto.

L’attività investigativa condotta dalla III Sezione della Squadra Mobile di Chieti ha fatto emergere che il denaro versato dalla vittima su una Postepay i cui estremi erano stati forniti dall’adescatrice, era riconducibile ad un uomo residente in provincia di Bergamo, risultato esserne il formale intestatario. In realtà l’analisi deli’estratto conto di tale carta ha fatto emergere che tutto il denaro versato sulla stessa veniva ritirato in Costa d’Avario oppure utilizzato per effettuare pagamenti in quella nazione, in particolare nella città di Abidjan.

Risulta che su tale carta, in un lasso temporale di soli 4 mesi, sono confluiti circa 30.000,00 euro versati  da soggetti  sottoposti  a ricatto  i  quali  hanno  sborsato  somme  che variano  da  50-l 00  euro  a 2.500 euro per ogni singola dazione. Dall’analisi dei dati emerge che altre persone, che allo stato non risultano aver presentato denuncia, hanno corrisposto somme di denaro, anche in questa provincia, in particolare  nella  zona  del  vastese.  Risultano  anche  pagamenti  effettuati  da  altre  località  italiane  a testimoniare la circostanza che i medesimi soggetti hanno agito nello stesso periodo temporale nei confronti di più vittime.

L’uomo titolare della Postepay, M.R. di anni 56, residente in provincia di Bergamo, già censurato per analoghi reati, al momento è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lanciano, che coordina le indagini, per estorsione in concorso  rischiando  altresì  anche  l’eventuale  incriminazione  per riciclaggio.

Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati all’individuazione dei complici nonché a stabilire la reale natura dei rapporti intercorrenti tra costui e gli stranieri residenti in Costa d’Avorio, circostanza questa che rende particolarmente difficile l’attività di indagine finalizzata alla loro compiuta identificazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *