domenica, Settembre 27, 2020
Home > Lazio > Cisl Medici Lazio: “Si ripartiscano le somme destinate al personale sanitario che ha operato nell’emergenza”

Cisl Medici Lazio: “Si ripartiscano le somme destinate al personale sanitario che ha operato nell’emergenza”

chieti

In data 11 aprile la Cisl Medici Lazio, insieme ad altre organizzazioni sindacali, firmava con la Regione un accordo che stanziava risorse per remunerare l’eccezionale attività e le particolari ed eccezionali condizioni in cui sono stati chiamati ad operare i lavoratori del Servizio Sanitario Regionale impegnati nell’emergenza Covid.

“Lo abbiamo sottoscritto – dichiarano Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – perché lo abbiamo ritenuto un primo ed importante passo per compensare le condizioni di particolare disagio e l’intensità dell’impegno professionale degli operatori.

Un accordo sicuramente migliorabile e per questo, nei giorni successivi, come Cisl Medici abbiamo continuato a chiedere, dapprima in solitudine, di inserire nell’accordo le discipline e le professionalità inizialmente non ricomprese tra le quali i farmacisti ed i medici potenzialmente venuti a contatto con malati Covid nei reparti dove prestano servizio o attività di consulenza”.

“Evidentemente – aggiungono – l’insistenza della Cisl Medici, evidenziata a più riprese dai media e ben dettagliata dalla documentazione rinvenibile nella nostra pagina facebook, deve avere convinto anche altri della bontà della nostra iniziativa al punto che il 25 aprile, con un ulteriore comunicato stampa, abbiamo evidenziato come proprio in quelle ore si stava allargando nella dirigenza la platea di quanti iniziavano a chiedere alla Regione Lazio di ricomprendere nell’emolumento tutti i profili professionali operanti nelle strutture di sia intervento diretto che in quelle di supporto per avere una ripartizione più equa delle somme stanziate con l’interessamento di più discipline”. 

E ancora: “Ad ieri 3 agosto 2020 non abbiamo sottoscritto nessun ulteriore nuovo accordo regionale sulla ripartizione delle somme stanziate ai sensi dell’art. 1 c. 1 del D.L. 18/2020 convertito con L. 24 aprile 2020, n. 27 

L’accordo secondo la Cisl Medici deve riconoscere, a tutto il Personale dirigente delle Aziende ed Enti del SSR, un trattamento economico aggiuntivo in considerazione sia del grado di professionalità e di competenza dimostrato, sia delle condizioni di rischio e disagio in cui hanno reso la prestazione lavorativa presso la struttura sanitaria di appartenenza.

Pertanto una quota delle risorse disponibili dovrà essere destinata a riconoscere il disagio e l’impegno di tutto il personale dirigente dipendente del SSR per il lavoro prestato dal 10 marzo al 30 aprile, in forma di trattamento accessorio straordinario riferito all’emergenza COVID-19″.

“Chiediamo dunque – concludono – che la Regione Lazio ripartisca tra le Aziende e gli Enti del SSR le somme come quantificate dall’allegato A del citato DL 18/2020, in base al numero dei dirigenti dipendenti (tempo determinato e indeterminato) presenti alla data del 30 aprile e dell’impegno nella rete COVID ospedaliera e territoriale; 

La Cisl Medici chiede che tutti i lavoratori delle Aziende e degli Enti del SSR pubblico, non rientranti nella platea ricompresa dalle aziende nelle fasce A e B dell’accordo dell’11 aprile 2020, abbiano un riconoscimento-premio COVID-19 di almeno € 300,00, che spetta per intero se il lavoratore è stato presente in servizio per almeno 20 giorni nel periodo dal 10 marzo al 30 aprile 2020. I dipendenti che sono stati presenti in servizio nello stesso periodo per meno di 20 giorni percepiranno il premio in misura proporzionale ai giorni di presenza. Una ipotesi di accordo che andrebbe a premiare il buon senso e la capacità da parte delle Organizzazioni Sindacali e dell’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio di trovare congiuntamente una soddisfacente soluzione nell’interesse dei lavoratori e del Servizio Sanitario Regionale”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *