martedì, Settembre 22, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film d’autore stamattina in TV: “The Blues Brothers” martedì 18 agosto 2020

Il film d’autore stamattina in TV: “The Blues Brothers” martedì 18 agosto 2020

film the blues brothers

Il film d’autore stamattina in TV: “The Blues Brothers” martedì 18 agosto 2020 alle 10:10 su IRIS /Canale 22)

The Blues Brothers - film.JPG

The Blues Brothers è un film commedia musicale del 1980 diretto da John Landis e interpretato da John Belushi e Dan Aykroyd.

La pellicola occupa un posto di rilievo nella storia del cinema, grazie al suo cast di musicisti e cantanti, alla trama affine a uno spettacolo musicale a tutti gli effetti, e alla interpretazione dei protagonisti Belushi e Aykroyd. I due interpretano i fratelli Jake “Joliet” Blues (John Belushi) ed Elwood Blues (Dan Aykroyd), personaggi inventati ai tempi delle loro prime collaborazioni al celebre programma televisivo statunitense Saturday Night Livediventarono in breve tempo famosi in tutto il mondo, inconfondibili negli onnipresenti vestiti neri e occhiali da sole Ray-Ban Wayfarer. Nel film, si prodigano per salvare dalla chiusura l’orfanotrofio dove entrambi erano cresciuti, decidendo di organizzare una riunione del loro gruppo blues e di fare concerti in giro per i locali, per raccogliere così i soldi necessari.

Il film conquistò il Guinness dei primati per la scena con il maggior numero di incidenti d’auto.

The Blues Brothers costò circa 30 milioni di dollari, inizialmente stentando al botteghino. In poco tempo, tuttavia, si formò un culto intorno alla pellicola. Il 20 e 21 giugno 2012, in occasione del centenario della major produttrice e del trentennale della morte di John Belushi, il film è stato riproposto in versione restaurata in tutto il mondo.

Il film ha ispirato anche un videogioco e un sequel uscito nel 1998Blues Brothers: Il mito continua, diretto anch’esso da Landis e interpretato da Aykroyd, John GoodmanJoe Morton e l’allora giovanissimo Evan Bonifant.

«Siamo in missione per conto di Dio.»
(Elwood Blues)

Chicago1980. Appena uscito di prigione (la Joliet Prison) in regime di semilibertà dopo aver scontato tre anni per rapina, Jake “Joliet” Blues, già leader di un gruppo musicale di rhythm and blues (la Blues Brothers Band) insieme al fratello Elwood, viene prelevato da questi a bordo di una Dodge Monaco del 1974, acquistata a un’asta di auto usate della polizia locale di Mount Prospect, che diviene la nuova Bluesmobile, l’auto della band, al posto della vecchia “Caddy”, una Cadillac, scambiata da Elwood con un microfono.

Il primo posto dove si recano è l’orfanotrofio cattolico dove sono cresciuti, nel centro di Chicago. Qui suora Mary Stigmata, da loro chiamata “la Pinguina”, chiede loro di aiutarla a trovare i 5 000 dollari necessari a pagare le tasse arretrate dovute al fisco onde evitare la chiusura dell’orfanotrofio. Inizialmente i due contano di trovare la somma con facilità, ma poi insorge un grosso problema: la “Pinguina” dice chiaramente che non accetterà denaro rubato, ma solo quello acquisito onestamente.

Curtis (Cab Calloway), un dipendente dell’orfanotrofio, consiglia ai due di recarsi nella chiesa battista di Triple Rock per trovare un’ispirazione sul modo di procacciare la somma. Giunti nella chiesa durante una funzione, dopo una travolgente esibizione del reverendo Cleophus James (interpretato da James Brown), Jake riceve la “rivelazione” divina: per recuperare i soldi per l’orfanotrofio devono rimettere assieme la Blues Brothers Band, riunendosi ai loro vecchi compagni – ora tutti onesti lavoratori con una buona situazione sociale – e suonare di nuovo insieme. I proventi delle esibizioni serviranno a saldare il debito fiscale dell’orfanotrofio, motivo per cui i due fratelli, da questo momento, dichiareranno di essere “in missione per conto di Dio”.

Dopo essere sfuggiti all’inseguimento di due poliziotti distruggendo un centro commerciale e all’attacco a colpi di lanciarazzi da parte di una “donna misteriosa” (che alla fine si rivelerà essere l’ex fidanzata di Jake, abbandonata sull’altare), riescono a raggiungere la loro camera d’albergo, che ha la finestra all’altezza di una linea della sopraelevata lungo la quale passa un treno ogni pochi secondi (il celebre loop, l’anello interno della soprelevata di Chicago).

Il giorno dopo inizia la loro missione. La sezione ritmica della band viene ritrovata a suonare all’Holiday Inn con il nome di “Murph and Magic Tones”, mentre sta eseguendo nell’indifferenza generale una cover di Quando quando quando. Il trombettista Alan Rubin, “Mr. Fabulous”, che ha trovato lavoro al raffinato ristorante francese Chez Paul come maître, accetta di ritornare a suonare con la band solo dopo che Jake ed Elwood, dopo essersi recati al locale e aver infastidito rumorosamente gli altri clienti, minacciano di tornare a mangiare «a colazione, pranzo e cena tutti i giorni della settimana».

Sulla strada per raggiungere il chitarrista Matt “Guitar” Murphy e il sassofonista Lou “Blue” Marini, che lavorano in una tavola calda di proprietà di Matt e sua moglie (Aretha Franklin), la Bluesmobile s’imbatte in una manifestazione del “Partito Socialista Americano dei Bianchi“, “i nazisti dell’Illinois“, come li chiama Elwood (e come tali si presentano). I Blues Brothers, spazientiti, si fanno largo irrompendo tra gli uomini del partito, che stanno occupando un ponte, costringendoli a gettarsi in acqua per non essere investiti.

Finalmente riunita, la band compra gli strumenti e gli amplificatori al Ray’s Music Exchange, di proprietà di Ray (Ray Charles), pagando tramite cambiali, e si esibisce al Bob’s Country Bunker, un locale riservato al country e western, spacciandosi per i Good Ole Boys, band country che i clienti stavano aspettando. Pur avendo ottenuto un buon successo improvvisando brani country orecchiabili (avevano provato ad eseguire un pezzo blues, venendo pesantemente fischiati e colpiti con oggetti di vario genere) che fanno sciogliere in lacrime gli avventori del locale, la band non viene pagata perché, a detta del proprietario del locale, ha consumato più birra di quello che ha guadagnato, per cui ora gli devono 100 dollari.

Ricercati dalla polizia, dalla “donna misteriosa”, dai “nazisti dell’Illinois” e dai veri Good Ole Boys (sopraggiunti nel frattempo), i Blues Brothers decidono di rivolgersi al loro vecchio amico e agente di spettacolo Maury Sline, che, di malavoglia, offre loro un concerto nella Sala Grande del Palace Hotel, in grado di ospitare 5.000 spettatori.

Dopo aver girato tutta la contea per promuovere il concerto che si sarebbe svolto la sera stessa, aiutati anche dai bambini dell’orfanotrofio, la Bluesmobile finisce la benzina e così i due sono costretti a spingerla per ore, rischiando di non arrivare in tempo per il concerto. Grazie allo sforzo pubblicitario, il Palace Hotel è gremito di pubblico, ma tra gli spettatori sono appostati anche i Good Ole Boys e la polizia, cosicché Jake ed Elwood sono costretti a entrare passando dal bagno delle donne (nel frattempo Curtis ha intrattenuto il pubblico con la canzone Minnie l’impicciona). Una volta in scena, eseguono Everybody Needs Somebody to Love di Solomon Burke nella versione di Wilson Pickett (citato anche a fine canzone) e Sweet Home Chicago di Robert Johnson nella versione di Magic Sam, riscuotendo un travolgente successo. Accortisi però che la polizia ha circondato la sala, cercano di trovare un sistema per uscire senza farsi vedere, venendo brevemente fermati da un rappresentate di una società discografica, che gli allunga un anticipo di 10.000 dollari per un contratto con la sua compagnia. I due accettano, prendono la somma necessaria per l’orfanotrofio e quindi scappano da una botola nel palco.

Mentre attraversano le fogne per fuggire si imbattono nella ex-fidanzata di Jake che sta per ucciderli, ma Jake la inganna con il famoso “monologo delle cavallette”, nel quale le spiega perché non si era presentato all’altare:

«Non ti ho tradito, dico sul serio. Ero rimasto senza benzina, avevo una gomma a terra, non avevo i soldi per prendere il taxi, la tintoria non mi aveva portato il tight, c’era il funerale di mia madre, era crollata la casa, c’è stato un terremoto, una tremenda inondazione, le cavallette, non è stata colpa mia, lo giuro su Dio!»
(Jake)

Al termine del monologo, per l’unica volta in tutto il film, Jake si toglie gli occhiali da sole. Dopo una rocambolesca fuga, inseguiti dall’ex fidanzata di Jake, da «tutte le forze dell’ordine dell’Illinois», dal camper dei Good Ole Boys e dalla Ford Pinto dei “nazisti dell’Illinois”, in un’infernale baraonda che coinvolge decine di automobili, i Blues Brothers arrivano al Richard J. Daley Center di Chicago appena in tempo per salire al 102º piano e pagare le tasse dovute dall’orfanotrofio.

Nel frattempo un’armata giunta da cielo, da terra e dal lago Michigan, composta da centinaia di poliziotti armati fino ai denti, esercito, marina, aviazione, pompieri, corpi speciali e incursori della SWAT si è gettata al loro inseguimento e, proprio nel momento in cui viene timbrata e consegnata la ricevuta delle tasse pagate, i due fratelli vengono raggiunti da centinaia di poliziotti e militari che, spianandogli addosso ogni genere di armi, li arrestano.

Alla fine la Blues Brothers Band al completo è in prigione, e suona per i compagni detenuti il brano Jailhouse Rock di Elvis Presley, scatenando l’ennesima baraonda.

Regia di John Landis 

Con: John Belushi e Dan Aykroyd

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com