mercoledì, Settembre 23, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film horror stasera in TV: “Cold skin – La creatura di Atlantide” martedì 18 agosto 2020

Il film horror stasera in TV: “Cold skin – La creatura di Atlantide” martedì 18 agosto 2020

film Cold_Skin

Il film horror stasera in TV: “Cold skin – La creatura di Atlantide” martedì 18 agosto 2020 alle 21:20 su RAI 4 

(none)

Martedì 18 agosto alle 21.20 su Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) va in scena il brivido con il film horror d’azione spagnolo “Cold skin – La creatura di Atlantide”, diretto da Xavier Gens, con Ray Stevenson, David Oakes, Aura Garrido, Winslow Iwaki, John Benfield e Ben Temple.
Friend, un ex combattente irlandese, accetta l’incarico di trascorrere un anno su un’isola vicino al Circolo Antartico per monitorare la situazione ambientale e meteorologica del luogo. Convinto di essere solo, scoprirà presto che sull’isola ci sono altre creature poco ospitali con lui.

“Cold skin – La creatura di Atlantide” (Cold Skin) è un film horror di fantascienza  franco-spagnolo del 2017 diretto da Xavier Gens con David Oakes, Aura Garrido, Ray StevensonJohn Benfield basato sul 2002 romanzo dello stesso nome da Albert Sánchez Piñol . [3] [4] Il film è uscito il 20 ottobre 2017 in Spagna. Samuel Goldwyn Films ha distribuito il film negli Stati Uniti. [5]

Nel 1914, un giovane irlandese di nome Friend si reca in un’isola remota nell’Atlantico meridionale per lavorare come meteorologo poiché il precedente morì. L’unico altro abitante dell’isola è il guardiano del faro, Gruner, che saluta Friend con freddezza. Ben presto il giovane meteorologo si rende conto che la morte del suo predecessore non è avvenuta per tifo, che è la spiegazione ufficiale, ma per l’invasione di creature sconosciute emergenti di notte dall’oceano.

All’arrivo sull’isola cammina intorno, vedendo strani cerchi rocciosi sulla spiaggia. Quando ritorna in cabina trova il diario del precedente meteorologo che parla di strane creature dal mare che attaccano; subito dopo aver letto questo viene assalito di notte dalle strane creature. Un amico si nasconde in cantina e colpisce uno che guarda attraverso le assi del pavimento, facendoli fuggire. Il giorno successivo chiama Gruner per lasciarlo entrare nel faro senza alcun risultato. Nella cabina scopre un fucile tra i bagagli, deciso a resistere rinforza la cabina. Le creature vengono di nuovo di notte, lui spara contro di loro ma alla fine deve ricorrere a un incendio, che le fa fuggire ma rovina la capanna.

Il giorno dopo osserva Gruner lasciare il faro, seguendolo fino alle rocce scopre una creatura marina femminile con Gruner, apprendendo che Gruner l’ha resa la sua amica e schiava sessuale. Offre a Gruner munizioni e altri rifornimenti se è disposto a lasciarlo stare al faro, cosa che Gruner accetta. Le creature attaccano di notte, mentre Friend sviene durante l’attacco. La mattina dopo un Gruner furioso gli dice che ha un’altra possibilità e ora gli dice di svolgere attività umili come andare a prendere l’acqua. Quando durante la notte successiva le creature attaccano di nuovo, Gruner lo blocca fuori sul balcone da solo, lasciandolo a vedere se può badare a se stesso. La mattina dopo Gruner lo scopre ricoperto di sangue di creatura e vivo.

I due uomini si sistemano in una routine, le creature attaccano molte notti e devono stare sempre all’erta. Occasionalmente sorgono tensioni sulla creatura femminile, cosa che ad Friend cresce mentre Gruner la abusa fisicamente e sessualmente, e Gruner si rifiuta di lasciargli segnalare una nave che passa. Una notte, si avvicinano pericolosamente alla morte quando vengono invasi e costretti a rinchiudersi nella luce del faro fino a quando l’alba non allontana le creature.

Le creature non hanno attaccato da molte settimane. Un amico inizia a camminare lungo la spiaggia, raccogliendo ossa di balena e scolpendole. Un giorno, scopre una scialuppa di salvataggio sulla spiaggia. Quando chiede a Gruner, scopre che si tratta della barca di un individuo portoghese naufragato che era stato ucciso dalle creature. Viene anche a sapere che il carico della barca conteneva dinamite. Un amico convince Gruner a lasciargli usare una vecchia muta da sub per scendere e prendere la dinamite dalla nave. Mentre è lì, riesce a recuperare la dinamite, ma vede anche quelle che sembrano essere versioni giocose di creature per bambini.

Friend e Gruner escogitano un piano per distruggere le creature marine, progettando di attirare molte di loro vicino al faro lasciando la porta aperta prima di far partire la dinamite intorno ad essa. Le creature fanno debitamente il loro attacco, ma Gruner non riesce a far esplodere i primi esplosivi, costringendo Friend a correre in cima al faro e ricollegare il detonatore. L’esplosione risultante uccide una moltitudine di creature. Gruner quindi fa partire gli esplosivi secondari che sono molto più vicini al faro, facendo perdere i sensi sia a lui che a Friend. Al mattino, Gruner finisce le creature ferite, deliziato dai risultati del loro contrattacco, mentre Friend, vedendo una delle creature morte indossare una collana, diventa meno contento. Quella notte, le creature non attaccano, ma emettono un lamento lamentoso per i loro morti.

Il giorno successivo, Friend esce e scopre una creatura bambino che accetta il suo presente, e molte creature non ostili appaiono insieme alla creatura femminile di cui Gruner ha abusato e costretto alla schiavitù sessuale. Vengono interrotti da uno sparo, quando appare Gruner. Un amico cerca di dirgli che vogliono una tregua, ma Gruner chiede al suo schiavo / animale domestico di tornare al faro. Quando rifiuta, Gruner in preda all’isteria torna di corsa al faro. Friend cerca di continuare ma Gruner inizia a sparare razzi contro le creature, colpendo e uccidendo uno dei bambini. Un amico torna di corsa al faro e combatte con rabbia Gruner. Le armi vengono estratte e Gruner prende il sopravvento, ma interrompe il suo attacco quando Friend chiama il suo vero nome, quello del precedente meteorologo. Gruner, ricordando improvvisamente la sua vita davanti alle creature,

Qualche tempo dopo, la nave successiva arriva per sostituire Friend, scambiandolo per il guardiano del faro Gruner, un ruolo che decide di adempiere.

Regia di Xavier Gens

Con  David Oakes, Aura Garrido, Ray StevensonJohn Benfield

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *