martedì, Settembre 29, 2020
Home > Italia > L’algoritmo contro il Covid sulla rivista “Italian Journal of Emergency Medicine”

L’algoritmo contro il Covid sulla rivista “Italian Journal of Emergency Medicine”

coronavirus

L’algoritmo contro il Covid sulla rivista “Italian Journal of Emergency Medicine”

Il modello organizzativo adottato dal Pronto soccorso dell’Aou di Sassari si è dimostrato sicuro: nessun paziente Covid positivo è “sfuggito” ai filtri sequenziali del pre-triage e del triage.

Sassari – Ha dimostrato di essere un valido supporto decisionale per i pazienti con patologie acute che necessitano di ricovero ospedaliero. L’algoritmo decisionale contro il Covid-19, sviluppato all’interno della struttura di Pronto soccorso e Medicina d’urgenza del Santissima Annunziata, torna a far parlare di sé. E questa volta grazie alla rivista “Italian Journal of Emergency Medicine” che questo mese ha pubblicato l’articolo “Dealing with patients with suspected COVID-19 active infection: a challenge for emergency physicians” (Come affrontare i pazienti con sospetta infezione attiva Covid: una sfida per il medico d’urgenza) e firmato dai medici della struttura sassarese Francesco Bella, Chiara Pes, Laura Sini, Costantino Cossu, Aurora Vecchiato, Alessandra Melis e Paolo Pinna Parpaglia.

«L’algoritmo gestionale – spiega il dottor Paolo Pinna Parpaglia che ha guidato il gruppo di studio che lo ha elaborato –  è stato predisposto con lo scopo di evitare la penetrazione del virus all’interno dell’ospedale e salvaguardare la sicurezza di pazienti e operatori, consentendo di identificare una popolazione con infezione Sars-Cov2 altamente improbabile.

«La pubblicazione sulla rivista della Società italiana di medicina d’emergenza e urgenza – afferma ancora – credo rappresenti un riconoscimento del buon lavoro fatto e, soprattutto, possa tranquillizzare sulla correttezza dei percorsi a suo tempo individuati».

In sintesi nell’articolo si legge che è stato preso in esame un numero rilevante di 290 pazienti, considerati sospetti per infezione Covid attiva e identificati come tali attraverso l’algoritmo decisionale adottato dal Pronto Soccorso dell’Aou di Sassari e quindi gestiti in isolamento nel percorso protetto dedicato (cosiddetto “sporco”). Di questi, il 21% è risultato effettivamente affetto da Covid, mentre nel restante 79% dei pazienti l’infezione Covid è stata esclusa al termine di un lungo e complesso iter diagnostico.

È stata misurata quindi la rilevanza (“peso diagnostico”) dei singoli accertamenti effettuati sulla capacità di distinguere i Covid sospetti (ma non confermati) dai Covid accertati e, dunque, di riconoscere i pazienti effettivamente malati.

I criteri epidemiologici, cioè la provenienza da zone rosse e contatto “a rischio” con soggetti Covid positivi, quindi la presenza di insufficienza respiratoria e/o febbre non altrimenti spiegate, si sono dimostrati altamente predittivi di infezione Covid attiva. Al contrario, molti degli esami e dei sintomi abitualmente considerati indicativi di infezione Covid lo sono stati meno, o non si sono dimostrati affatto utili nel definire la probabilità di malattia.

Nell’articolo si legge ancora che la normalità della TC del torace ha dimostrato di poter escludere l’infezione attiva nel 100 per cento dei casi sospetti.

Gli autori dell’articolo, inoltre, sottolineano che il modello organizzativo adottato nel Pronto soccorso del Santissima Annunziata si è dimostrato sicuro, in quanto nessun paziente Covid positivo è “sfuggito” ai filtri sequenziali del pre-triage e del triage.

«I risultati ottenuti – concludono – potranno consentire di perfezionare il modello predittivo di infezione attiva per i pazienti considerati sospetti per Covid, con l’obiettivo di intercettare più precocemente i pazienti con concreta probabilità di malattia da nuovo coronavirus. Nel contempo, sarà necessario continuare a mantenere un elevato standard di sicurezza: una delle sfide più difficili del medico d’urgenza in questo periodo».

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *