giovedì, Gennaio 20, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Presa Diretta” del 24 agosto alle 21.20 su RAI 3: la ricostruzione post-sisma del Centro Italia

Anticipazioni per “Presa Diretta” del 24 agosto alle 21.20 su RAI 3: la ricostruzione post-sisma del Centro Italia

presa diretta
Anticipazioni per “Presa Diretta” del 24 agosto alle 21.20 su RAI 3: la ricostruzione post-sisma del Centro Italia
(none)
Nel 4° anniversario del drammatico terremoto nel centro Italia, “PresaDiretta” – in onda con otto nuovi appuntamenti da lunedì 24 agosto alle 21.20 su Rai3 – ha fatto un viaggio all’interno del cratere del sisma per raccontare perché la ricostruzione non è mai decollata. I soldi c’erano, eppure le zone terremotate di Abruzzo, Marche, Umbria e Lazio sembrano dimenticate e abbandonate al loro destino. In studio, ospiti di Riccardo Iacona, Carlo Cottarelli, economista e direttore dell’Osservatorio per i Conti Pubblici Italiani; Mario Tozzi, geologo e divulgatore scientifico; Nicola Alemanno, sindaco di Norcia; Cesare Spuri, direttore dell’Ufficio Speciale Ricostruzione per la Regione Marche. A 4 anni dalla prima scossa un pezzo dell’Italia centrale è ancora in ginocchio e rischia di spopolarsi definitivamente. Le macerie non ancora rimosse del tutto, i cantieri privati e quelli pubblici che non riescono a partire, le imprese che non ce la fanno più, la popolazione sparsa tra hotel, casette e container. I sindaci che denunciano: c’è troppa burocrazia. Ma c’è anche la svolta positiva delle iniziative messe in campo dal nuovo Commissario Straordinario alla Ricostruzione e le novità contenute nel decreto Semplificazione e in quello di Ferragosto che potranno accelerare una ricostruzione mai partita. E ancora, le mappe di pericolosità sismica, quelle che ci dicono quali aree del Paese sono più o meno a rischio, sono affidabili? Oggi l’Italia colpita dal sisma aspetta di capire se le misure previste dal Decreto Semplificazioni riusciranno a sbloccare finalmente i cantieri. PresaDiretta è andata a Genova durante la ricostruzione del ponte Morandi, per capire se rappresenta un modello esportabile per le opere pubbliche. Ma se non siamo riusciti a spendere i soldi stanziati per il sisma in 4 anni, ce la faremo ad affrontare la prova di una Ricostruzione ancora più impegnativa, quella dell’economia nazionale devastata dalla pandemia?