domenica, Settembre 27, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Proserpine” di Silvia Colasanti del 2 settembre alle 21.15 su RAI 5: dal Teatro Nuovo di Spoleto

Anticipazioni per “Proserpine” di Silvia Colasanti del 2 settembre alle 21.15 su RAI 5: dal Teatro Nuovo di Spoleto

proserpine

Anticipazioni per “Proserpine” di Silvia Colasanti del 2 settembre alle 21.15 su RAI 5: con la regia di Giorgio Ferrara e la direzione di Pierre-André Valade dal Teatro Nuovo di Spoleto

File:Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti.JPG - Wikipedia

Per la Grande Musica Lirica in TV in onda oggi mercoledì 2 settembre alle 21.15 su RAI 5 l’opera “Proserpine” di Silvia Colasanti nell’allestimento andato in scena nel 2019 dal Teatro Nuovo di Spoleto con la regia di Giorgio Ferrara, la direzione di Pierre-André Valade e l’interpretazione di Sharon Carty e Dísella Lárusdóttir l’inaugurazione della 62ma edizione del Festival dei Due Mondi..

(none)

È “Proserpine”, l’opera lirica in due atti di Silvia Colasanti, proposta da Rai Cultura mercoledì 2 settembre alle 21.15 su Rai5. La compositrice romana prosegue la sua trilogia sul mito (l’opera precedente era Minotauro) ispirandosi questa volta al poema drammatico di Mary Shelley adattato da René de Ceccatty e Giorgio Ferrara, che hanno mantenuto la lingua originale inglese. Pierre-André Valade dirige l’Orchestra Giovanile Italiana, la regia è affidata allo stesso Ferrara e le scenografie sono curate dall’artista contemporaneo Sandro Chia, con opere pittoriche di grandi dimensioni. Nel cast Sharon Carty, Dísella Lárusdóttir, Anna Patalong, Silvia Regazzo, Gaia Petrone, Katarzyna Otczyk, Lorenzo Grante. La regia tv è di Barbara Napolitano.

Proserpine [1] è un dramma in versi scritto per bambini dagl iscrittori romantici inglesi Mary Shelley e suo marito Percy Bysshe Shelley. Mary ha scritto il dramma in versi vuoti e Percy ha contribuito con due poesie . Composto nel 1820 mentre gli Shelley vivevano in Italia, è spesso considerato un partner della commedia degli Shelley Midas . Proserpine fu pubblicato per la prima volta nel periodico londinese The Winter’s Wreath nel 1832. Se il dramma fosse mai stato concepito per essere messo in scena è un punto di dibattito tra gli studiosi.Proserpine di Dante Gabriel Rossetti (1874)

Il dramma è basato sul racconto di Ovidio del rapimento di Proserpina da parte di Plutone , a sua volta basato sul mito greco di Demetra e Persefone . La versione di Mary Shelley si concentra sui personaggi femminili. In una rivisitazione in gran parte femminista dal punto di vista di Ceres , Shelley sottolinea la separazione tra madre e figlia e la forza offerta da una comunità di donne. Cerere rappresenta la vita e l’amore e Plutone rappresenta la morte e la violenza. I generidel testo riflettono anche i dibattiti di genere dell’epoca. Percy ha contribuito alla forma del verso lirica tradizionalmente dominata dagli uomini; Mary ha creato un dramma con elementi comuni alla scrittura femminile dell’inizio del XIX secolo: dettagli della vita quotidiana e dialogo empatico.

Proserpine fa parte di una tradizione letteraria femminile che, come la descrive la critica letteraria femminista Susan Gubar , ha utilizzato la storia di Cerere e Proserpina per “ridefinire, riaffermare e celebrare la stessa coscienza femminile”. [2] Tuttavia, l’opera è stata trascurata ed emarginata dalla critica.

Nel marzo 1818 gli Shelley si trasferirono in Italia, dove i loro due figli piccoli, Clara e William, morirono presto. Mary entrò in una profonda depressione e si allontanò da Percy. [4] Si riprese in una certa misura con la nascita di Percy Florence più tardi nel 1819. [5]

Tra il 1818 e il 1820, ha assorbito una notevole quantità di drammi, leggendo molte delle opere di William Shakespeare , alcune con Percy. [5] Percy credeva che Mary avesse un talento per la scrittura drammatica e la convinse a studiare le grandi opere teatrali inglesi, francesi, latine e italiane, nonché la teoria drammatica. [5] Ha anche chiesto il suo consiglio sulla sua commedia The Cenci , [6] e ha trascritto il manoscritto del suo dramma Prometheus Unbound . [3] Gli Shelley hanno anche assistito a opere, balletti e spettacoli teatrali. [5] Percy ha anche incoraggiato Maria di tradurre Vittorio Alfieri ‘s gioco Mirra(1785), una tragedia sull’incesto padre-figlia che ha influenzato il suo romanzo Mathilda . [7]

Gli studi di Mary Shelley furono ampi durante questi anni. Ha iniziato a imparare il greco nel 1820 [3] e ha letto molto. Era stata anche leggendo Ovidio ‘s Metamorfosi almeno dal 1815 e ha continuato a farlo nel 1820. [8] L’altra lettura incluso Jean-Jacques Rousseau ‘ trattato s filosofica, Emile (1762) e il suo romanzo sentimentale , La Nouvelle Héloïse ( 1761), così come il libro per bambini di Thomas Day The History of Sandford and Merton (1783–89). [7] Il critico Marjean Purinton osserva che la sua lettura era all’incirca nel periodo in cui stava componendo Proserpineincluso “trattati educativi e letteratura per l’infanzia, piena di moralismi riguardanti comportamenti di genere”, [9] , nonché la madre Mary Wollstonecraft s’, Pensieri sull’educazione dei Daughters (1787) e storie originali da Real Life (1788). Questi ultimi facevano parte della tradizione del libro di condotta che sfidava i ruoli di genere delle donne. [9]

Composizione e pubblicazione

Mary Shelley compose Proserpine nel 1820, terminandola il 3 aprile secondo il suo diario. [10] Percy Shelley ha contribuito con due poesie liriche : “Arethusa” e “Song of Proserpine while Gathering Flowers on the Plain of Enna”. Un frammento del manoscritto sopravvive, conservato nella Collezione Pforzheimer della Biblioteca Pubblica di New York , e mostra la coppia che lavora fianco a fianco al progetto. [11] Secondo il loro amico Thomas Medwin, a Percy piaceva la commedia, a volte alterando il manoscritto mentre leggeva. [12] Nella sua biografia di Mary Shelley, Miranda Seymour ipotizza che sia Midas che Proserpinesono state scritte per due giovani ragazze che Mary Shelley ha conosciuto e fatto amicizia, Laurette e Nerina Tighe, figlie di amiche degli Shelley in Italia. La loro madre era anche una ex allieva di Mary Wollstonecraft , la madre di Mary Shelley. [13] Quello stesso anno, Mary Shelley scrisse la storia per bambini Maurice per Laurette.

Nel 1824 Mary Shelley presentò Proserpine per la pubblicazione a The Browning Box , a cura di Bryan Walter Procter , ma fu respinta. [7] Lo spettacolo fu pubblicato per la prima volta nel 1832 nel periodico londinese The Winter’s Wreath . [7] Ha tagliato un quinto dell’opera – circa 120 righe – per questa versione, cancellando alcune delle storie dal primo atto, inclusa la poesia di Percy “Aretusa”, e ha riscritto le singole righe. [14] (Incluse “Aretusa” nella sua raccolta di Poesie postume di Percy Shelley nel 1824. [15] ) Mary Shelley aggiunse anche un sogno inquietante all’opera, prefigurando il rapimento di Proserpina. [16]I suoi sforzi per pubblicare l’opera in questi periodici e le voci di diario scritte durante la composizione dell’opera suggeriscono che Proserpine doveva essere letteratura per bambini. [17]

Riassunto della trama

Il ratto di Persefone di Simone Pignoni (c.1650)

Il primo atto inizia con Cerere che lascia sua figlia Proserpina sotto la protezione di due ninfe , Ino ed Eunoe , avvertendole di non vagare. Proserpine chiede a Ino di raccontarle una storia, e lei recita la storia di Aretusa . Dopo la storia, il gruppo raccoglie fiori. Le due ninfe si allontanano, cercando sempre più fiori, e perdono di vista Proserpina. Quando tornano, lei non c’è più. La cercano invano. Cerere ritorna, arrabbiata e spaventata per la perdita del figlio:

Me ne andrò, e sulla cima più alta
dell’Etna innevato, accenderò due fiamme chiare.
La notte non la nasconderà dalla mia ricerca ansiosa,
nessun momento mi riposerò, né dormirò, né mi fermerò
finché non tornerà, finché non stringerò di nuovo la
mia unica amata, la mia perduta Proserpina. [18]

Il secondo atto inizia qualche tempo dopo. Ino si lamenta: “Come tutto è cambiato da quell’infelice vigilia! / Cerere piange per sempre, cercando il suo bambino / E nella sua rabbia ha colpito la terra con la rovina”. [19] Aretusa viene, per dire a Cerere che ha visto Plutone fuggire con Proserpina. Cerere chiede aiuto a Giove e Iris appare, dicendo che il destino di Proserpina è fisso. Tuttavia, Giove concorda sul fatto che se Proserpina non mangia il cibo degli Inferi , può tornare. Il gruppo parte per andare a prendere Proserpina, che crede di non aver consumato alcun cibo contaminato, ma le viene ricordato da Ascalaphus , un’ombra degli Inferi, un po ‘di melogranosemi che ha mangiato. Cerere, Ino e Aretusa si offrono volontari per esiliarsi negli Inferi, portando con sé i loro tesori, come la fertilità. Tuttavia, il loro sacrificio non è consentito. Iris racconta la decisione di Giove riguardo al destino di Proserpina:

Quando Enna è protagonista di fiori, e il sole
spara i suoi raggi caldi sulla terra lieta,
quando regna l’estate, allora vivrai sulla Terra,
e camminerai per queste pianure, o divertendoti con le tue ninfe,
o al fianco di tua Madre, in pace gioia.
Ma quando il gelo duro congela il terreno nudo e nero,
gli alberi hanno perso le foglie e gli uccelli dipinti che
piangono in cerca di cibo navigano nell’aria penetrante;
Poi scendi nella notte più profonda e regna la
Grande Regina del Tartaro. [20]

Cerere promette che solo durante il periodo in cui Proserpina vive con lei la terra sarà fertile.

Genere

Percy Bysshe Shelley ha scritto di Proserpina nella sua poesia Prometeo liberato .

Proserpine è un dramma in versi in versi vuoti di Mary Shelley che include due poesie liriche di Percy Shelley. All’inizio del diciannovesimo secolo, la poesia lirica era associata a poeti maschi e la poesia quotidiana (cioè la poesia del quotidiano) a poeti donne. La divisione del lavoro a Proserpine riflette questa tendenza. [21] Le poesie di Percy aiutano a sottolineare la natura mitica della storia di Proserpina; ha continuato questa descrizione trascendentale di Proserpina nel suo Prometheus Unbound . [22] Il dramma di Maria consiste in oggetti accuratamente descritti, come i fiori. Inoltre, i suoi personaggi non parlano in soliloquio– tranne nelle poesie di Percy – piuttosto, “quasi ogni discorso è diretto sentimentalmente verso un altro personaggio e tipicamente si occupa di descrivere lo stato emotivo di un altro e / o di suscitare una reazione emotiva”. [23] Il dialogo in Proserpine è fondato sull’empatia, non sul conflitto più tipico del dramma. [24] Mary Shelley rifiutò anche di abbracciare il sensazionalismo visivo del teatro del primo Ottocento, concentrandosi invece su “scene di intensa emozione”. [25]

Gli studiosi hanno contestato se Mary Shelley intendesse mettere in scena la sua commedia. La maggior parte concorda sul fatto che non è mai stata pensata per la rappresentazione, concordando con il romanticista Alan Richardson che l’opera è “dramma lirico” o “teatro mentale” nello stile del dramma romantico “con la sua enfasi sul personaggio rispetto alla trama, sulla reazione sull’azione e il suo turno di distanza dal teatro “. [26] Tuttavia, la studiosa di teatro del diciottesimo secolo Judith Pascoe contesta questa conclusione, indicando dettagliate indicazioni sul palcoscenico nel manoscritto: “Cerere e le sue compagne sono disposte da un lato in trepidante aspettativa; dalla caverna dall’altro, entra Proserpina, da varie forme oscure e tenebrose che portano torce, tra cui Ascalaphus, Cerere e Persefone si abbracciano;- le sue ninfe la circondano. ” [27]Da queste prove, sostiene che Shelley intendeva mettere in scena la sua commedia. [28]

Lo studioso di letteratura Jeffrey Cox ha affermato che Proserpine , insieme a Midas , Prometheus Unbound e altre commedie scritte dal circolo di Leigh Hunt , “non erano un rifiuto del palcoscenico ma un tentativo di rifarlo”. [29] Voltandosi dai generi tradizionali di tragedia e commedia di costume , questi scrittori reinventarono il dramma scrivendo maschere e drammi pastorali . Sostiene che Midas e Proserpine sono una coppia di drammi mitologici che dimostrano “le forze dell’oppressione”. [30] Per lui, Proserpina“celebra un mondo pastorale … minacciato dalla violenza sessuale maschile e dalla tirannia di un dio del cielo”. [31]

Temi

La versione di Mary Shelley del mito di Proserpina è una rivisitazione femminista . [32]

Mary Shelley ha ampliato e rivisto la storia di Proserpina del poeta romano Ovidio , che fa parte delle sue più grandi Metamorfosi . Il racconto è basato sul mito greco di Demetra e Persefone , che spiega il cambio delle stagioni attraverso le visite di Persefone agli Inferi: quando è confinata nel regno di Ade , l’autunno e l’inverno ricoprono la terra e quando torna a vivere con sua madre, la primavera e l’estate fioriscono. Il mito descrive la vittoria della violenza maschile sulla procreazione femminile. [33] Come Percy Shelley, John Keats e Lord Byron, Mary Shelley era interessata a riscrivere i miti classici; tuttavia, come altre scrittrici romantiche, era particolarmente interessata a sfidare i loro temi patriarcali . [34] Nel rivedere il mito di Proserpina, mise le donne e il loro potere al centro della narrazione. Ad esempio, Ovidio rappresenta Proserpine come “un bambino irriflessivo, che si allontana intenzionalmente dopo i fiori nell’abbandono infantile” mentre “Shelley ritrae Proserpine come un’adolescente riflessiva ed empatica” che vuole trovare fiori per sua madre. [24] La versione del mito di Ovidio si concentra sulla violenza, in particolare sul rapimento e lo stupro di Proserpina, mentre la commedia di Shelley si concentra sulla ricerca di Proserpina piena di suspense. [35]La sua versione evidenzia il dolore di Cerere e delle ninfe e il desiderio di Proserpina di fuggire dagli Inferi invece dello stupro (lo stupro avviene dietro le quinte). Al contrario, altri adattamenti ottocenteschi spesso ampliavano la scena dello stupro, romanticizzandola e trasformandola in una scena di corteggiamento. [36]

Le donne e le questioni femminili dominano il dramma di Mary Shelley: non compaiono personaggi maschili, con la breve eccezione di Ascalaphus . [37] Tuttavia, come sostiene il romanticista Marjean Purinton, c’è una forte presenza maschile nella commedia anche senza personaggi maschili, suggerendo “l’onnipresente presenza del potere patriarcale nella sfera domestica “. [38] Sebbene il mito riguardi fondamentalmente lo stupro e la tirannia maschile, Shelley lo trasforma in una storia sulla solidarietà femminile e sulla comunità: queste donne sono narratrici e creatrici di miti che determinano il proprio destino. [39] L’amore di Cerere, l’amore di una madre, sfida il potere degli dei. [40]Shelley racconta la storia quasi interamente dal punto di vista di Cerere; “la sua opera loda in modo elegiaco la creatività e la fecondità femminile come” Foglia, lama, germoglio e fiore “. ” [2] Shelley scrive ruoli attivi, piuttosto che passivi, per Proserpine e Cerere. Ad esempio, è la rabbia di Cerere, non il suo dolore, che porta “la rovina dell’inverno”. [41] Tuttavia, il rapimento di Proserpina è prefigurato nella storia di Aretusa e, come sottolinea la studiosa di letteratura Julie Carlson, le donne possono unirsi insieme solo dopo che Proserpina è stata rapita. [42]

Nella versione del mito di Shelley, il paradiso si perde non per colpa delle donne ma per l’interferenza degli uomini. [43] La “violenza egoistica e predatrice” di Plutone è giustapposta alla “gentilezza amorevole di Cerere, la sua disponibilità a sostenere la vita, [e] la sua incrollabile devozione a suo figlio”. [44] Il sesso, in questo mito, è rappresentato come una separazione dal femminile e una resa forzata al maschile. [45] Il dominio di Plutone su Proserpina simboleggia “una cultura basata sull’acquisizione e sulla brutalità, una cultura che giustifica segretamente (quando non celebra apertamente) la maestria maschile”. [45]

Proserpine e Midas sono spesso viste come una coppia di giochi contrastanti. [46] Proserpine è un gioco di legami femminili, mentre Midas è un dramma dominato dagli uomini; i poeti maschi partecipano a un concorso a Mida mentre a Proserpina i personaggi femminili partecipano alla narrazione comune; “dove Mida vive nel suo palazzo d’oro immaginandosi al centro di una corte onnipotente, Cerere si lamenta di lasciare l’enclave pastorale che condivide con Proserpina per la corte di Giove”; Midas punta sull’oro, mentre le donne di Proserpine amano i fiori; e “dove la società di Midas è segnata da egoismo, avidità e conflitto, la società femminile diProserpine dà valore alla comunità, ai doni e all’amore “. [31]

Eredità e accoglienza

Come sostiene la critica letteraria femminista Susan Gubar , il dramma di Mary Shelley fa parte di una tradizione letteraria femminile, tra cui Elizabeth Barrett Browning , HD , Toni Morrison , Margaret Atwood e Doris Lessing , che ha risposto alla storia di Cerere e Proserpina. Questi scrittori usano il mito come un “modo di affrontare la loro esperienza di se stesse come figlie che crescono in femminilità e potenziale maternità …. usano il mito di Demetra e Persefone per ridefinire, riaffermare e celebrare la donna la coscienza stessa. ” [2] Poeti come Dorothy Wellesley , Rachel Annand Taylor ,Babette Deutsch , Helen Wolfert e Mary Shelley ritraggono la madre procreativa come un’eroina che crea un’arena per nutrire relazioni che sfidano “le divisioni tra sé e l’altro” che sono al centro del patriarcato. [44] La poetessa femminista Adrienne Rich scrive che “la perdita della figlia per la madre, la madre per la figlia, è la tragedia femminile essenziale”, [47] ed è di questa tragedia che Mary Shelley discute nella sua opera. [48]

Quando A. Koszul pubblicò per la prima volta una trascrizione di Proserpine nel 1922, sostenne “che le piccole fantasie classiche che la signora Shelley non si è mai avventurata a pubblicare sono degne di considerazione quanto le sue più ambiziose opere in prosa”. [49] Tuttavia, la sua “Introduzione” alla commedia parla principalmente di Percy Shelley e del suo contributo alle opere di Mary Shelley. Infatti, come spiega, ha deciso di pubblicare per contribuire al centenario di Percy Shelley. [50] Dalla loro pubblicazione originale, né Midas né Proserpineha ricevuto molta attenzione critica. I critici hanno prestato attenzione solo alle poesie di Percy Shelley o hanno ignorato del tutto le opere teatrali. Il critico letterario Elizabeth Nitchie scrive che le opere “si distinguono solo per i testi che [Percy] Shelley ha scritto per loro”, e Sylvia Norman sostiene che “non richiedono uno studio analitico e comparativo”. [51] Sebbene Frankenstein sia rimasto una potente forza culturale sin dalla sua pubblicazione, le altre opere di Mary Shelley sono state raramente ristampate e gli studiosi si sono concentrati quasi esclusivamente su Mary Shelley, autrice di Frankenstein , e Mary Shelley, moglie di Percy Bysshe Shelley . Tuttavia, con la pubblicazione di opere di Mary Poovey eAnne K. Mellor negli anni ’80 e The Other Mary Shelley nel 1993, è stata prestata maggiore attenzione agli “altri” lavori di Mary Shelley, come i suoi drammi. [52]

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *