lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Abruzzo > Omicidio Rapposelli, condannati l’ex marito ed il figlio

Omicidio Rapposelli, condannati l’ex marito ed il figlio

omicidio rapposelli

Omicidio Rapposelli, condannati l’ex marito ed il figlio

La Corte di Assise di Teramo ha condannato a 27 anni di carcere  Simone Santoleri, e a 24 anni  il padre Giuseppe. La Corte li ha ritenuti responsabili, in primo grado, dell’omicidio della pittrice Renata Rapposelli (ex moglie di Giuseppe e madre di Simone). La Pm Enrica Medori aveva chiesto la condanna all’ergastolo per Simone e a  ventiquattro anni  per Giuseppe entrambi accusati di omicidio volontario e soppressione di cadavere.

Il 9 ottobre 2017 la donna partì per Giulianova da Ancona, dov’era la sua abitazione, perché preoccupata delle condizioni di salute del figlio Simone. L’incontro degenrò rapidamente in un furibondo litigio scaturito da motivazioni di tipo economico. Intorno alle 17.00 dello stesso giorno, secondo quanto asserito dalla farmacista di Tortoreto che l’avrebbe vista, la donna avrebbe preso un calmante. In serata il cellulare di Renata si spense e si spensero, nella stessa fascia oraria, per essere riattivati solo tre giorni dopo, i telefoni dell’ex marito e del figlio.

Simone e Giuseppe Santoleri furono arrestati il 6 marzo 2018 nella loro abitazione. Il cadavere di Renata Rapposelli, scomparsa il 9 ottobre 2017, venne poi rinvenuto a Tolentino, lungo l’alveo del fiume Chienti. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net