mercoledì, Gennaio 19, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Overland 18” del 6 settembre alle 6 su RAI 1: le strade dell’Islam, da Kazakistan a Uzbekistan

Anticipazioni per “Overland 18” del 6 settembre alle 6 su RAI 1: le strade dell’Islam, da Kazakistan a Uzbekistan

overland 21

Anticipazioni per “Overland 18” del 6 settembre alle 6 su RAI 1: le strade dell’Islam, dal Kazakistan all’Uzbekistan

Overland 18 - Overland

Il Kazakistan è la prima tappa incontrata dal viaggio di Speciale Overland 18, in replica domenica 6 settembre alle 6.00 su Rai1. Le belle strade russe sono un ricordo, qui si viaggia – nel vero senso della parola – in fuoristrada. La frontiera con la Russia separa non solo due Stati, ma due etnie differenti che manifestano nelle rispettive religioni i principali ideali di riferimento della loro esistenza. La mezzaluna posta sulle cupolette dei santuari sancisce che questo è il mondo islamico. Le trivelle che pompano il grezzo ricordano, inoltre, che il Kazakistan è uno dei più grandi produttori petrolio al mondo, una ricchezza che avvantaggia l’elite aumentando l’enorme disparità con le classi sociali minori. Un allevamento di cammelli incuriosisce la carovana che oltre alle dovute coccole ai piccoli cammelli nati da pochi giorni, scopre che il latte di cammella è ottimo e nutriente. Lasciata la steppa Kazaka, ecco l’Uzbekistan. L’impatto è con il disastro ambientale del prosciugamento del lago Aral. Dagli anni 1960, il lago si è ridotto al 10% dell’originale superficie. Le barche dei pescatori adagiate su un letto di sabbia e sale sono la testimonianza lampante di quanto successo. La spedizione prosegue verso Khiva, un gioiello di città fortificata che fu al centro del “Grande Gioco” creatosi in centro Asia tra la Russia degli Zar e l’Impero Britannico, che aveva già occupato l’India via mare. Un insieme di strategie, complotti e inganni per conquistare il Centro Asia senza mai combattere, ma mettendo contro Persiani, Afghani, Turchi, e i vari Kanati di Khiva, Bukhara, Samarcanda e Tashkent. Le tappe successive sono Bukhara e Samarcanda.