mercoledì, Settembre 23, 2020
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Adelaide di Borgogna” di Rossini del 14 settembre alle 10 su RAI 5: dal Teatro Rossini di Pesaro

Anticipazioni per “Adelaide di Borgogna” di Rossini del 14 settembre alle 10 su RAI 5: dal Teatro Rossini di Pesaro

adelaide di borgogna

Anticipazioni per “Adelaide di Borgogna” di Rossini del 14 settembre alle 10 su RAI 5: con la regia di Pier’Alli e la direzione musicale di Dmitri Jurowski dal Teatro Rossini di Pesaro

Teatro Rossini - Places - Rossini Opera Festival

Per la Grande Musica Lirica in TV in onda oggi lunedì 14 settembre alle 10 su RAI 5 l’opera “Adelaide di Borgogna” di Rossini nell’allestimento andato in scena nel 2011 dal Teatro Rossini di Pesaro per la 32ma edizione del R.O.F. con la regia di Pier’Alli e la direzione musicale di Dmitri Jurowski per l’interpretazione di  Daniela Barcellona, Jessica Pratt.

Adelaide di Borgogna è un’opera lirica di Gioachino Rossini. Il libretto, denominato Dramma per musica in due atti, è di Giovanni Schmidt, che aveva già scritto per Rossini Elisabetta, regina d’Inghilterra e Armida.

Trama

Il soggetto dell’opera si riferisce ad un episodio della storia medioevale italiana. Lotario, re d’Italia dal 945 al 950, viene avvelenato da Berengario, che usurpa la corona. La vedova di Lotario, Adelaide di Borgogna, si rifugia nella fortezza di Canossa (Canosso nel libretto), per sottrarsi alla persecuzione di Berengario, il quale vorrebbe costringerla a sposarsi con Adelberto, suo figlio. A Canossa Adelaide viene protetta da Attone (Iroldo nel libretto) ma, non riuscendo a resistere all’assedio, chiede l’intervento di Ottone il Grande, Imperatore di Germania, offrendosi come sua sposa e cedendogli i diritti a lei spettanti. Ottone scende in Lombardia, libera Adelaide, la sposa e la porta con sé in Germania.

Il libretto di Giovanni Schmidt contiene però alcune inesattezze: l’azione viene datata al 947, quando in realtà Lotario morì nel 950; inoltre si dice che la fortezza di Canossa si trova presso il Lago di Garda, ma in realtà è sull’Appennino reggiano.

La scena è parte nella fortezza di Canossa, parte nel campo di Ottone.

Adelaide di Borgogna andò in scena il 27 dicembre 1817 al Teatro Argentina di Roma. L’opera, affidata a una compagnia di canto molto modesta con Elisabetta Manfredini, e basata su un libretto scialbo che non stimolò la creatività di Rossini, non ebbe successo.

Il 3 aprile 1820 avviene la prima nel Teatro San Luca (oggi Teatro stabile del Veneto Carlo Goldoni) di Venezia. Il 25 ottobre 1822 avviene la prima nel Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona. Il 12 giugno 1825 avviene la prima nel Teatro Carlo Lodovico (poi chiamato Teatro San Marco) di Livorno. Venne ripresa in pochi teatri (si ricorda una rappresentazione a Torino con Giuditta Pasta nel ruolo di Ottone). Rossini ne riprese parte della musica per Eduardo e Cristina.

In tempi moderni è stata ripresa poche volte, nel 1978 in concerto nella Queen Elizabeth Hall di Londra con Ernesto Palacio, nel 1984 al Festival della Valle d’Itria con Mariella Devia, nel 1988 nella Salle Pleyel di Parigi (protagonisti la Devia, Palacio e Martine Dupuy diretti da Alberto Zedda) e nel 2005 in concerto all’Edinburgh International Festival con Jennifer Larmore e Bruce Ford; al Rossini Opera Festival si contano solo due recite in forma semiscenica nel 2006 (con Daniela BarcellonaPatrizia Ciofi, Lorenzo Regazzo e l’Orchestra Haydn). La prima rappresentazione in forma scenica al ROF avviene nel 2011 (con la Barcellona, Jessica Pratt e Nicola Ulivieri), in occasione delle celebrazioni dei 150 dell’Unità d’Italia.

Struttura

  • Sinfonia

Atto 1

  • 1 Introduzione Misera patria oppressa (Coro, Iroldo, Berengario, Adelaide, Adelberto)
  • 2 Coro, scena e cavatina Salve, Italia, un dì regnante – Soffri la tua sventura (Ottone)
  • 3 Duetto Vive Adelaide in pianto (Ottone, Adelberto)
  • 4 Coretto Viva Ottone (Coro, Iroldo)
  • 5 Cavatina Se protegge amica sorte (Berengario)
  • 6 Aria Vorrei distruggere (Eurice)
  • 7 Coro, scena e cavatina O ritiro che soggiorno – Occhi miei, piangeste assai (Adelaide)
  • 8 Duetto Mi dai corona e vita (Adelaide, Ottone)
  • 9 Finale primo Schiudi le porte al tempio (Coro, Adelberto, Berengario, Ottone, Adelaide, Ernesto)

Atto 2

  • 10 Introduzione Come l’aquila che piomba (Coro)
  • 11 Duetto Della tua patria ai voti (Adelberto Adelaide)
  • 12 Aria Sì, sì, mi svena (Eurice)
  • 13 Coro, scena ed Aria Berengario è nel periglio – Grida, o natura, e desta (Adelberto)
  • 14 Quartetto Adelaide! Oh ciel (Ottone, Berengario, Adelberto, Adelaide)
  • 15 Scena ed aria Ah, vanne, addio – Cingi la benda candida (Adelaide)
  • 16 Coro, scena ed aria Serti intrecciar le vergini – Vieni, tuo sposo e amante (Coro, Ottone)
Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *