domenica, Novembre 28, 2021
Home > Marche > Marche, Proiezioni: storica vittoria del centrodestra con Acquaroli in vantaggio di 14 punti su Mangialardi – aggiornamento 2

Marche, Proiezioni: storica vittoria del centrodestra con Acquaroli in vantaggio di 14 punti su Mangialardi – aggiornamento 2

marche

Marche, Exit Poll: storica vittoria del centrodestra con Acquaroli in vantaggio di 14 punti su Mangialardi

File:Francesco Acquaroli daticamera 2018.jpg - Wikipedia

Dopo le prime proiezioni sulle elezioni regionali nelle Marche giunge la conferma della storica vittoria del centrodestra che per la prima volta strapperebbe Palazzo Raffaello dopo 50 anni al centrosinistra.

Francesco Acquaroli di Fratelli d’Italia stimato al 47,5% dei voti staccherebbe di 14 punti Maurizio Mangialardi del Partito Democratico che otterrebbe circa il 33,5 per cento dei consensi

Notizia in aggiornamento.

Francesco Acquaroli (Macerata25 settembre 1974) è un politico italianopresidente della Regione Marche dal 30 settembre 2020.

Inizia sin da giovanissimo il suo impegno politico, come consigliere comunale per Alleanza Nazionale nella città dove risiede, Potenza Picena. Candidatosi a sindaco nel 2009 con il centrodestra, viene sconfitto dallo sfidante Sergio Paolucci, sostenuto dalla lista di centrosinistra.

Alle elezioni regionali nelle Marche del 2010 si candida alla carica di consigliere regionale nella lista del Popolo della Libertà a sostegno del candidato presidente Erminio Marinelli, risultando eletto. Aderisce sin dalla sua fondazione a Fratelli d’Italia, lasciando il PdL.

Nel 2014 si candida nuovamente a sindaco di Potenza Picena sostenuto da due liste civiche, risultando il candidato più votato al primo turno con il 46,66% dei voti, contro il 36,39% del candidato di centrosinistra Fausto Cavalieri, accedendo dunque al ballottaggio. L’8 giugno 2014, al ballottaggio, Acquaroli viene eletto sindaco con il 57,31% dei voti, contro il 42,69% ottenuto da Cavalieri.

Per tale motivo il 1º luglio 2014 si dimette dalla carica di consigliere regionale a causa dell’incompatibilità delle due cariche.

In occasione delle elezioni regionali del 2015, salla carica di governatore delle Marche sostenuto da Fratelli d’Italia e dalla Lega Nord, classificandosi terzo dietro a Luca Ceriscioli (PD) e Giovanni Maggi (M5S).