lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film horror stasera in TV: “Final Destination 5” venerdì 25 settembre 2020

Il film horror stasera in TV: “Final Destination 5” venerdì 25 settembre 2020

final destination 5

Il film horror stasera in TV: “Final Destination 5” venerdì 25 settembre 2020 alle 21:20 su Italia 2 (Canale 66)

FINAL DESTINATION 5 - Trailer italiano [HD] - YouTube

«Il tuo destino è già segnato. Non sfidare la morte.» (Tagline del film)

Final Destination 5 è un film del 2011 diretto da Steven Quale con Nicholas D’Agosto, Emma Bell e Jacqueline MacInnes Wood, quinta pellicola della serie di film horrorFinal Destination. È un prequel del film originale.

I primi tre film sono stati prodotti dalla New Line Cinema, mentre il quarto e il quinto sono stati prodotti dalla Warner Bros. Il film è in 3D.

Stati UnitiNew York 2000. Sam Lawton riceve la premonizione di una sciagura: un ponte che crolla, uccidendo lui e tante persone che si trovano sullo stesso ponte.

Il ponte sospeso inizia a creparsi e a rompersi: la prima vittima è Candice, che, tentando di scendere dall’autobus, arriva in un punto dove crolla improvvisamente, lei precipita nel vuoto nello stesso momento in cui sta passando una barca a vela, finendo impalata sul pennone.

Isaac, rimasto nel bagno dell’autobus a telefonare, rimane intrappolato mentre l’autobus cade dal ponte, e muore schiacciato contro il parabrezza del veicolo. Nel frattempo, i sopravvissuti tentano di fuggire: Molly riesce, camminando su alcune travi di acciaio a passare dall’altra parte del ponte e mettersi al sicuro. Olivia, invece, cammina alla cieca avendo perso gli occhiali. Sam tenta di aiutarla, ma mentre sta compiendo la traversata, le travi cedono facendola precipitare nel canale d’acqua: sopravvive alla caduta, ma dal ponte cade un’auto decappottabile, che la schiaccia.

Nathan, mentre corre verso Sam, viene colpito da un sostegno del ponte che lo travolge all’improvviso e lo disintegra. Nel frattempo, il ponte ormai fuori controllo per le oscillazioni, fa cadere su di un lato un’auto, che distrugge la ringhiera a cui si era aggrappato Dennis, che riesce a salvarsi dal crollo, rimanendo aggrappato al bordo del ponte, ma uno scossone fa rovesciare un camion del cantiere che trasporta catrame bollente, fondendolo letteralmente.

Peter e Sam si aggrappano alla ringhiera del ponte, crollata ad un livello più basso: dall’alto un camion che trasporta sbarre di ferro sollecitato dai movimenti incontrollati del ponte, perde le sbarre che travolgono Peter, impalandolo nella faccia. Sam, davanti a Molly, viene tagliato in due da una lastra di metallo, caduta dallo stesso camion.

Riuscendo a far scendere tutti dal bus, ma non potendo suo malgrado salvare gli altri civili presenti sul ponte, Sam beffa la morte, la quale è costretta a variare i suoi piani per seguire il prestabilito corso degli eventi. I superstiti vengono interrogati dall’agente Block, che inizialmente nutre sospetti su Sam, ipotizzando che questi possa essere un presunto terrorista, ma poi viene scagionato poiché il crollo del ponte è stato attribuito al vento forte e ai danni strutturali dovuti al cantiere.

Il piano della morte inizia ad apparire chiaro quando Candice, Isaac e Olivia muoiono nell’esatto ordine in cui sono deceduti nella premonizione. In più, uno strano Coroner avverte i ragazzi che la morte odia essere presa in giro e tornerà a sistemare le cose, a meno che i ragazzi non facciano morire qualcun altro al loro posto.

Nathan, durante una discussione con un suo dipendente, rimane coinvolto in un incidente dal quale resta illeso, ma nel quale lo stesso lavoratore viene invece ucciso da un gancio che gli trafigge il volto. Pensa così che la morte abbia preso lui al suo posto. Subito dopo è toccato a Dennis che viene smembrato da una chiave inglese. Peter intanto impazzisce e cerca di eliminare Molly, sperando di prendersi la sua vita dal momento che la ragazza nella visione era sopravvissuta. È invece Sam, durante una colluttazione, ad ucciderlo.

Pensando oramai di essere al sicuro, due settimane dopo, Sam e Molly si imbarcano su un volo per Parigi, dove il protagonista deve trasferirsi per lavoro. Ma sull’aereo, un ragazzo inizia ad urlare in preda ad una crisi di panico e viene fatto scendere assieme ad altri passeggeri; una hostess spiega che il giovane ha “avuto una visione”. Il volo sul quale si trovano Sam e Molly si rivela essere il volo 180. Dopo qualche momento iniziano i primi scossoni: la fusoliera si squarcia e Molly viene risucchiata fuori finendo smembrata da un’ala, mentre Sam muore bruciato vivo nella successiva esplosione.

Il carrello dell’aereo viene scagliato in un bar dove si trova Nathan, che muore schiacciato un attimo dopo essersi reso conto che al suo dipendente (a cui egli ha indirettamente provocato la morte, “guadagnando” quindi i suoi anni di vita restanti) non rimanevano altro che pochi giorni a causa di un aneurisma già diagnosticatogli.

La morte ha eliminato così tutti i superstiti.

Regia di Steven Quale

Con: Nicholas D’Agosto, Emma Bell e Jacqueline MacInnes Wood

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *