martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Marche > Ascoli Piceno, va in ospedale per controlli e gli perdono la dentiera. Costretto a nutrirsi di frullati

Ascoli Piceno, va in ospedale per controlli e gli perdono la dentiera. Costretto a nutrirsi di frullati

ascoli piceno

ASCOLI PICENO – Chi ha il pane non ha i denti, così recita un comune detto. Ma ad Ascoli Piceno, nello specifico all’ospedale Mazzoni, questo detto è stato di fatto modificato in: “chi ha il pane non ha più i denti”.

Il sig. Ortenzio, 91 anni, si è presentato al Mazzoni per un controllo a causa di un sospetto sopraggiunto lieve malore, determinato da un calo di pressione. Data la sua venerabile età, utilizza per mangiare una dentiera che, una volta giunto in ospedale, gli viene rimossa per motivi precauzionali ed affidata ai sanitari.

Dopo 3 giorni di degenza per controlli, e, forzati digiuni, il sig Ortenzio viene dimesso sabato sera , ma, all’atto della reinstallazione della dentiera, la dentiera è scomparsa.

Nessuna spiegazione viene fornita al sig. Ortenzio che, accompagnato dalla consorte, viene invitato a cibarsi di frullati.

A questo punto al sig. Ortenzio, seppur in età avanzata, comincia a frullare tutt’altro e, senza ulteriore indugio, decide di rivolgersi ai Carabinieri.

Noi abbiamo fatto una piccolissima indagine intervistando telefonicamente un noto ex primario di Odontoiatria che, venuto a conoscenza del fatto, immediatamente ci ha risposto e spiegato l’accaduto:

“E’un classico, centinaia di dentiere finiscono dentro i bidoni della spazzatura poiché l’azienda ospedaliera non dispone di bicchieri per mettere  dentro le dentiere a fianco del letto del paziente, poiché, i bicchieri come arrivano spariscono, pertanto le avvolgono nella carta. Da li, il guaio è fatto, gli addetti alle pulizie vedono il cartoccio e lo buttan via come spazzatura!”

Intanto il sig. Ortenzio  è costretto a  mangiare frullati in attesa di avere dalla sanità una nuova dentiera. Questa la sua reazione: “Datemi la dentiera che prima mi mangio il Covid poi qualcun altro!”

Servizio Tg del 04/10/2020    Paolo De Santis – Rtm