martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Abruzzo > L’omaggio del Premio Di Venanzo a Philippe Daverio curato da Paola Di Felice

L’omaggio del Premio Di Venanzo a Philippe Daverio curato da Paola Di Felice

premio di venanzo

Dopo gli appuntamenti dello scorso fine settimana, seguiti da numerose persone, la 25^ edizione del Premio Di Venanzo ne propone tanti altri nella seconda settimana che ci condurrà alla cerimonia di consegna degli Esposimetri d’Oro, in programma sabato 10 ottobre. Il prossimo appuntamento è in programma domani, mercoledì 7 ottobre: alle ore 17.00 nell’ Ipogeo sarà tributato un omaggio a Philippe Daverio, storico dell’arte e critico d’arte, personaggio televisivo, gallerista e politico, scomparso prematuramente lo scorso 2 settembre. Paola Di Felice, direttore emerito del Polo museale della Città di Teramo, ricorderà la figura di Daverio, indagando anche il rapporto che lo legava alla nostra città. Saranno proiettati video e interviste realizzati durante le sue visite a Teramo. Come ha ricordato la stessa dottoressa Di Felice, fu Philippe Daverio, in un incontro in città, ad avere l’idea di realizzare un museo della fantasia all’interno del Castello Della Monica.

Dicevamo degli appuntamenti consumati. Sabato scorso è stata inaugurata,nell’Ipogeo di Piazza Garibaldi, la mostra della 7^ edizione del concorso di fotografia Cattura la luce – Le emozioni fotografiche – Premio Lucio De Marcellis. Sono state esposte nel sottopassaggio di Piazza Garibaldi le 23 foto selezionate e la giuria ha reso noto il nome dei due vincitori: per la sezione colore ha vinto Elisabetta Marcelli, per la sezione bianco e nero si è imposta Alessia Vienne. La premiazione dei vincitori ci sarà il 7 novembre.

Sempre sabato scorso si è tenuto l’incontro dedicato allo scrittore Luigi Malerba, alla presenza della moglie Anna Lapenna e della figlia Giovanna. Hanno illustrato la vita e le opere del grande scrittore e sceneggiatore emiliano, di cui si presentava la raccolta Tutti i racconti: il critico letterario, giornalista de La Città, Simone Gambacorta, Gino Ruozzi, professore di Letteratura italiana all’Università di Bologna, che ha curato la pubblicazione, la storica della letteratura italiana Lucilla Sergiacomo e Andrea Gialloreto, professore di Letteratura moderna e contemporanea e di Letterature comparate all’Università di Chieti-Pescara.

Molto partecipato dal pubblico, rispettando comunque la normativa anti Covid-19, il concerto del Fiammetta Ricci Quintet contro il razzismo che si è svolto nell’auditorium Santa Maria a Bitetto (Fiammetta Ricci voce, Toni Fidanza al pianoforte, Fabrizio Mandolini al sax, Emanuele di Teodoro al basso, Fabio Colella alla batteria).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net