sabato, Novembre 27, 2021
Home > Italia > Il Cdm proroga lo stato di emergenza. Mascherine obbligatorie anche all’aperto

Il Cdm proroga lo stato di emergenza. Mascherine obbligatorie anche all’aperto

Il MoVimento 5 Stelle

Il Cdm  ha approvato nell’ambito del decreto legge Covid una norma che proroga il dpcm con le norme-anti contagio ora in vigore al 15 ottobre. Ma c’è una novità. Da oggi scatta l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto, se si è vicini a persone non conviventi. Entro il 15 ottobre dovrà comunque essere adottato un nuovo Dpcm che confermi o aggiorni le regole anti-contagio che sarebbero scadute ieri e che sono invece prorogate.

“Abbiamo approvato – dichiara il premier Giuseppe Conte –  un nuovo decreto-legge. Decreto-legge che è stato elaborato e concepito per affrontare questa nuova fase. C’è una risalita della curva di contagio di qui, quindi, la deliberazione di prorogare lo stato di emergenza al 31 gennaio dell’anno prossimo. Inoltre, abbiamo ritenuto opportuno, e anche necessario, recuperare quel rapporto tra Stato e Regioni che avevamo costruito anche nella fase più dura. D’ora in poi le Regioni potranno adottare misure più restrittive rispetto a quelle adottate a livello nazionale, invece saranno limitate nell’adozione di misure di allentamento. Lo potranno fare solo d’intesa con il Ministro della Salute”.

“Abbiamo inoltre introdotto una misura più rigorosa per affrontare questa fase”, ha proseguito Conte “perché vogliamo in tutti i modi evitare nuove misure restrittive per le attività produttive e per le attività sociali”. Dalla data di entrata in vigore del decreto-legge, sarà infatti obbligatorio avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine) e indossarli sempre, non solo nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, come già in passato, ma più in generale nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e anche in tutti i luoghi all’aperto, “a meno che non si non ci si trovi in una situazione di continuativo isolamento”. 

Restano esclusi da tali obblighi i bambini di età inferiore ai sei anni, i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e coloro che per interagire con questi ultimi versino nella stessa incompatibilità. Inoltre, l’uso della mascherina non sarà obbligatorio durante lo svolgimento dell’attività sportiva.

Il Presidente infine ha invitato tutti i cittadini ad una maggiore attenzione nell’uso della mascherina anche all’interno delle proprie abitazioni quando si ricevono conoscenti e familiari non conviventi al fine di proteggere le persone più fragili.

Nel frattempo il centrodestra insorge. “Ad Agrigento – scrive la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni su Facebook – la rivolta degli immigrati stufi della quarantena in un centro d’accoglienza, tra lanci di oggetti e incendi. Nel caos tre agenti rimasti feriti a cui auguro una pronta guarigione. Il paradosso di un governo che da una parte annuncia di voler limitare le libertà degli italiani mentre dell’altra spalanca i porti a tutti e tollera questo e altro da chiunque arrivi nella nostra Nazione”.

“Le immagini – le fa eco il leader della Lega Matteo Salvini – che non vedrai al tg. Agrigento, immigrati in centro di accoglienza con positivi Covid non vogliono rispettare la quarantena, proteste violente e sassaiole durante il giorno e poi di notte appiccano il fuoco. Alcuni riescono a fuggire, feriti anche due poliziotti. Però per il governo è tutto sotto controllo e si aboliscono i #decretisicurezza“.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net