giovedì, Gennaio 28, 2021
Home > Italia > Roma, 4 manifestazioni contro il Governo. Ma di scarso impatto

Roma, 4 manifestazioni contro il Governo. Ma di scarso impatto

roma

ROMA – Si sono svolte ben 4 manifestazioni sabato 10 Ottobre a Roma in 4 piazze diverse e quasi tutte contemporaneamente, organizzate da diversi gruppi che andavano da destra a sinistra. Le due principali, che dovevano essere inizialmente unite ma che poi sembrerebbero essersi divise in due gruppi, a San Giovanni, hanno avuto luogo una davanti il sagrato ed il prato antistante la celebre Basilica, e l’altra di fronte alla Bocca della Verità.
Le altre due, invece, si sono svolte una a Piazza Sant’Apostoli e l’altra a Piazza Quadrato della Concordia all’EUR.

Simili tra loro le motivazioni, che bocciano il governo per l’aver prorogato l’emergenza, per le azioni intraprese in tema sanitario e scolastico nel contrasto al Covid-19, per l’aver “glissato” sui gravissimi problemi occupazionali ed economici che stanno affliggendo l’Italia e relativamente ai quali non sembrano esserci sostanziali interventi.

In qualche caso si è cercato di ricordare i 18 marinai prigionieri in Libia, riguardo ai quali il governo continua a fornire rassicurazioni, ma senza far intravedere reali prospettive, quasi a ricalcare quel silenzio che portò i “Marò” a rimanere prigionieri per diversi anni, circa 4, in India (Caso dell’Enrica Lexie).

Quattro manifestazioni, in sostanza, che avrebbero dovuto ricevere una elevata partecipazione, anche in via dei numerosi relatori, filosofi, medici, accademici, politici, economisti.

L’aver bollato come “negazionisti” coloro che avrebbero preso parte alle manifestazioni, da parte del governo e dei partiti che formano il governo, ha dato una prima scossa facendo si che molti dei relatori “importanti” si ritirassero adducendo varie motivazioni, ma privando le piazze di quegli interventi che avrebbero dato sicuramente spunti di riflessione diversi.

I comunicati emessi dal Ministero degli Interni, in occasione di queste manifestazioni, dove si avvisava la popolazione che non sarebbero state ammesse deroghe al “rispetto delle regole” inerenti i dispositivi anti-
Covid e l’ulteriore giro di vite promosso dal Capo della Polizia che ne ha recepito i contenuti, hanno certamente aumentato la preoccupazione dei partecipanti.

Così, una manifestazione che si preannunciava come imponente, con numerosi partecipanti e oratori di chiara fama e spessore, capaci di raccogliere presenze e consensi, si è trasformata in una serie di “sagre” con
qualche migliaio di presenze e in qualche caso in un convegno all’aperto dove chi voleva poteva intervenire, arrivando al punto che gli assistenti alla sicurezza e l’ordine sembrava fossero più degli stessi partecipanti.

Di sicuro un enorme dispiego delle Forze dell’Ordine, che a quanto ci risulta da informazioni ricevute da alcuni partecipanti, si sono limitati, con grande professionalità, ad invitare ad indossare la fatidica mascherina, a qualche indisciplinato e distratto manifestante.

Solo in un caso, lo apprendiamo da alcuni organi di stampa, si sarebbe avuto il fermo di una persona che si rifiutava di indossare la mascherina.

Sembrerebbe tuttavia che il fatto sia avvenuto prima dell’inizio delle manifestazioni, ma anche in questo caso le informazioni riportate non sono univoche.

Da quanto è stato possibile apprendere, sarebbero invece circa 90 le persone identificate sabato 10 ottobre, a Roma, durante le manifestazioni che si opponevano contro la “dittatura sanitaria” che il governo avrebbe imposto per lottare contro il Covid. Le multe saranno da 400 a 1000 euro.

E’ da segnalare, tuttavia, che il governo, proprio nel giorno delle manifestazioni, ha dichiarato di voler disporre di ulteriori inasprimenti delle regole contro il virus, non tenendo minimante conto delle proteste di
piazza in corso.

Ettore Lembo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

2 thoughts on “Roma, 4 manifestazioni contro il Governo. Ma di scarso impatto

  1. Articolo obiettivo, equilibrato, un ritratto ad acquerello a tinte tenue in cui si mette in risalto la moderazione dei presenti, ma la tepidezza dei molti in una nazione in cui il popolo non sa che vuol dire difendere diritti inalienabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *