domenica, Gennaio 17, 2021
Home > Marche > Il sindaco Ricci: “Ecco il modello Pesaro. Detassare le nuove attività, per investire sul futuro”

Il sindaco Ricci: “Ecco il modello Pesaro. Detassare le nuove attività, per investire sul futuro”

obbligatorietà

PESARO – Detassare le nuove attività, per investire sul futuro. Questo l’obiettivo che si pone il sindaco Matteo Ricci, che spiega come il Consiglio comunale abbia approvato il nuovo regolamento per la concessione di contributi a tutte le attività. “Pesaro – puntualizza – è uno dei primi comuni a pensare ad una detassazione per le nuove imprese. Trovo sbagliato contrapporre ad azioni di questo tipo le difficoltà delle aziende che sono ancora in piedi, perché sono due questione differenti. Noi sosteniamo la creazione d’impresa, elemento nelle corde della nostra terra”.

E aggiunge: “La voglia di fare impresa è rimasta una tendenza confermata e strutturata, nonostante la difficoltà economica ed emergenza Covid-19. Nello specifico la delibera approvata propone di: 🔸️ampliare le misure di incentivo a tutte le attività che si insediano sul territorio comunale, eliminando la limitazione precedentemente prevista per il solo centro storico;🔸️estendere la platea dei potenziali beneficiari a tutte le tipologie di nuove attività (ivi inclusi i liberi professionisti) nonché ai casi di sub ingresso; 🔸️inserimento della TARI nella sommatoria dei tributi comunali cui rapportare la quantificazione dei contributi, fino ad un massimo di 100 metri quadrati; 🔸️semplificazione delle procedure di richiesta e di ottenimento dei contributi mediante la previsione di una scadenza annuale fissa (30 giugno) per la presentazione delle richieste nonché utilizzo di mezzi telematici per l’inoltro e la gestione delle stesse; IMU quota comunale, Addizionale Irpef, TOSAP, Imposta sulla pubblicità, TARI.

Un pacchetto di incentivi di 300mila euro, soldi rimborsati alle nuove attività.Per il Comune quindi questo è un investimento su futuri contribuenti. Rilanciamo il modello Pesaro, in questo modo potrebbero crearsi più territori virtuosi in grado di attrarre investimenti: perché detassazione per un periodo determinato significa attrarre futuri investimenti”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *