martedì, Novembre 24, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film thriller stasera in TV: “Sei ancora qui” mercoledì 21 ottobre 2020

Il film thriller stasera in TV: “Sei ancora qui” mercoledì 21 ottobre 2020

film I_Still_See_You

Il film thriller stasera in TV: “Sei ancora qui” mercoledì 21 ottobre 2020 alle 21.20 su Rai 4

I Still See You (film) - Wikipedia

Sei ancora qui – I Still See You (I Still See You) è un film di fantascienza e thriller del 2018 diretto da Scott Speer. La pellicola è tratta dal romanzo di Daniel Waters Break My Heart 1,000 Times. Fanno parte del cast, fra gli altri: Bella ThorneDermot Mulroney e Richard Harmon.

Chicago: l’esplosione accidentale del laboratorio dello scienziato Dr. Martin Steiner uccide numerosissime persone tra cui anche il padre di Veronica ‘Ronnie’ Calder, al tempo una bambina. Da allora questi defunti appaiono ai vivi sotto forma di “reminiscenze”, esseri non sensienti ed immateriali che ripetono sempre quelle che furono le loro ultime azioni prima della morte. Il padre di Ronnie appare ogni mattina a tavola mentre legge il giornale, e sua madre si rifiuta costantemente di affrontare l’argomento: ciò causa un diverbio fra le due. Proprio in concomitanza a ciò, alcuni nuove reminiscenti appaiono agli occhi di Ronnie: fra di loro c’è un ragazzo che lei intuisce si chiami Brian, il quale riesce a scriverle la parola “RUN” su uno specchio appannato. Poche ore dopo, mentre a scuola si affronta l’argomento reminiscenti durante una lezione, Ronnie inizia a vederne alcuni in classe e a sanguinare dalle orecchie.

Ronnie chiede dunque aiuto al compagno di classe Kirk, da sempre invaghito di lei ed appassionato dei reminiscenti, per indagare su cosa stia accadendo. Il ragazzo accetta, anche perché vorrebbe capire perché suo padre è fra i pochi defunti a non essere mai apparso come reminiscenti. I due scoprono che Brian era un sospettato d’omicidio, un ragazzo che si pensava avesse ucciso la figlia del pastore locale per poi commettere immediatamente dopo il suo stesso suicidio. Tale versione viene confermata anche dal pastore. Ronnie scopre che lei e Mary, la defunta figlia del pastore, sono nate nello stesso giorno anche se in anni differenti. Il preside della scuola viene avvisato dal pastore dell’indagine dei ragazzi, dunque convoca Kirk nel suo ufficio affinché gli racconti cos’hanno scoperto. Mentre assiste ad una partita di baseball scolastica, Ronnie vede per la prima volta Brian anche in questo contesto e poco dopo il preside ha un incidente mortale, pertanto Kirk pensa sia stato ucciso, in qualche modo, da Brian perché era venuto a sapere della loro indagine.

I due continuano allora ad indagare e connettono Brian con altre due ragazze assassinate, Emma Shaw e Claire White: la sorella di Clara conferma che Brian era stato fidanzato con la ragazza, e che i due possono assistere alla reminiscenza della sua morte presso la No-Go-Zone di Chicago, una zona in cui l’accesso è vietato per via di un alto rischio chimico. Una volta entrati nel luogo non senza problemi, i due ottengono dei suggerimenti da alcuni reminiscenti così da raggiungere il luogo in cui Claire morì: si tratta proprio del laboratorio di Steiner. Qui i due assistono alla scena insieme ad una nutrita folla, tra cui è presente anche il dottor Steiner, visibilmente invecchiato ma riconoscibile. Questi rivela che i suoi esperimenti erano circa la possibilità di usare persone in vita come mezzi per riportare in vita i defunti, ma che affinché ciò potesse avvenire le due persone avrebbero dovuto condividere il giorno del compleanno.

Lo scienziato rivela che Brian era il suo assistente e che, secondo lui, partecipava agli esperimenti per resuscitare le sue vittime e placare i suoi sensi di colpa. Una volta ammessa la sua verità, l’uomo si suicida davanti agli occhi dei ragazzi. Il giorno dopo, l’amministrazione scolastica scopre che Kirk aveva una pistola nel suo armadietto: Ronnie scopre che il ragazzo era stato già cacciato da una precedente scuola per la stessa ragione. Kirk cerca di convincerla che questa volta qualcuno lo ha incastrato, ma lei non gli crede. Nel frattempo Bitter, il pastore, suggerisce alla ragazza di rintanarsi in un luogo sicuro nelle 48 ore successive così da impedire a Brian di riportare in vita Mary attraverso il suo corpo: per questo aiuta la ragazza a costruire una sorta di stanza antipanico nella sua abitazione (di Ronnie), così che i reminiscenti non possano avervi accesso.

Contestualmente, Kirk scopre il pastore era in realtà un partner di ricerca di Steiner e va a casa sua. Qui scopre che è il pastore che sta cercando di usare Ronnie per riportare in vita sua figlia, ma l’uomo lo tramortisce e lo seppellisce vivo. A questo punto, anche Ronnie scopre la verità: il pastore le rivela che da tempo stava uccidendo ragazze nate nello stesso giorno di sua figlia per cercare di riportarla in vita, e che era stato in realtà lui ad uccidere Brian e il preside facendo passare le loro morti per suicidi o incidenti quando questi avevano scoperto la verità. Brian in realtà voleva aiutarla e la stanza antipanico serviva per impedirgli di agire. La ragazza riesce a scappare e corre via attraverso un lago gelato: l’uomo tuttavia la raggiunge e immobilizza, causando la rottura del ghiaccio. Quando i due precipitano sott’acqua intervengono tuttavia i fantasmi di Mary e Brian i quali, rispettivamente, trascinano il pastore il fondo e riportano Ronnie in superficie.

Mentre Ronnie cerca con tutte le sue forze di rimanere cosciente, la ragazza ha come un sogno ad occhi aperti in cui rivede i momenti in cui suo padre le insegnava a pattinare su quello stesso lago gelato. Kirk, che nel frattempo è riuscito a scappare perché aiutato dal fantasma di suo padre, arriva in tempo per portare Ronnie lontano dall’acqua e salvarle la vita. I due decidono a questo punto di fare qualcosa affinché anche il resto della popolazione di Chicago scopra cosa c’è dietro all’incidente che causò la morte di molte persone e l’apparizione dei loro reminiscenti. Mentre vanno via, il reminiscente del pastore appare mentre gli guarda per un’ultima volta, per poi sparire.

Regia di Scott Speer

Con Bella ThorneDermot Mulroney e Richard Harmon

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *