mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home > Lazio > Roma, choc ad Anzio: trovato nel bosco di Lavinio un cadavere fatto a pezzi e chiuso in due buste

Roma, choc ad Anzio: trovato nel bosco di Lavinio un cadavere fatto a pezzi e chiuso in due buste

pesaro

ROMA – È stato un ritrovamento choc quello verificatosi ad Anzio, nel bosco di Lavinio.

Stando ad una prima ricostruzione delle dinamiche della vicenda, martedì mattina un ricercatore di funghi, che stava passeggiando nell’area boschiva antistante la zona del Caracol del comune nel litorale nord laziale, avrebbe trovato un teschio umano privo di pelle. A seguito dell’agghiacciante scoperta, l’uomo avrebbe subito contattato il 112.

Segnalato il macabro ritrovamento, sul posto sono subito intervenuti i Carabinieri della Stazione Lavinio Lido di Enea, che continuando a perlustrare la zona, avrebbero scoperto altre due buste nere, dove su una erano presenti il busto, con addosso una tuta dell’As.Roma, ed il bacino, mentre sull’altra, gli arti inferiori.

Un caso drammatico a cui stanno lavorando i Carabinieri della Compagnia di Anzio, guidati dal Capitano Giulio Pisani.

In base ad un primo esame effettuato sui resti, probabilmente il cadavere depezzato, al momento della morte, dovrebbe aver avuto un’età compresa tra i 30 e i 60 anni. In questo momento, il cadavere fatto a pezzi si trova al Policlinico di Tor Vergata, presso l’istituto di medicina legale, dove sarà sottoposto all’esame autoptico e del DNA, per cercare di ricostruire la drammatica storia che ha come protagonista questa persona, per ora senza identità.

Nel frattempo, l’inchiesta è stata affidata alla Procura di Velletri, dove il Sostituto Procuratore, Giuseppe Travaglini, in base alle indagini proverà a fare luce sulla raccapricciante vicenda.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *