mercoledì, Dicembre 2, 2020
Home > Abruzzo > Atri, monetazione e Storia della città nelle ultime due Giornate FAI d’Autunno

Atri, monetazione e Storia della città nelle ultime due Giornate FAI d’Autunno

atri

Monetazione e Storia della città tra gli approfondimenti in programma nelle ultime due Giornate FAI d’Autunno ad Atri. I convegni possono essere seguiti in streaming su Facebook alle pagine Comune Atri e FAI delegazione Teramo

ATRI – Dopo l’ottima riuscita delle prime due Giornate FAI d’Autunno 2020 ad Atri, lo scorso fine settimana, domani e dopodomani (24 e 25 ottobre 2020) torna nella città ducale l’appuntamento con l’arte e la cultura per scoprire i tesori nascosti di questa splendida località. Il programma prevede la possibilità di visitare, a orari scaglionati e con ingressi contingentati tre palazzi storici: Palazzo Ducale, Palazzo Sorricchio e Palazzo Cardinal Cicada, oltre alla Cattedrale e alla Riserva Naturale Regionale Oasi WWF dei Calanchi di Atri con escursioni guidate. Nei palazzi è possibile ammirare i documenti storici del fondo pergamenaceo e altri documenti provenienti da biblioteche pubbliche e private. Il programma è arricchito anche da due conferenze: il 24 ottobre alle 17,30 si parlerà della “Monetazione di Hatria” e domenica 25 ottobre alle 10,30 ci sarà il convegno “Atri meravigliosa. Arte, Storia e Natura”. Nel rispetto del nuovo DPCM che non prevede la partecipazione del pubblico a convegni e riunioni, sarà possibile seguire entrambe le conferenze via streaming attraverso le pagine Facebook FAI Delegazione Teramo e Comune Atri.

L’incontro sulla “Monetazione di Hatria” vedrà la partecipazione delle numismatiche dell’Università D’Annunzio Chieti-Pescara Mariacristina Mancini e Oliva Menozzi, le quali affronteranno il tema “Hatria e le sue monete, problematiche aperte”. Il numismatico Gianluca Mandatori dell’Università La Sapienza di Roma relazionerà sul tema “Tra Sileni e delfini: tipologie e distribuzione delle monete atriane” e Alberto D’Andrea dell’Accademia Italiana di Studi Numismatici, si occuperà de “I tipi nella monetazione di Hatria”. L’incontro “Atri meravigliosa. Arte, Storia e Natura” sarà curato dal professor Roberto Ricci.

Tra i materiali più preziosi che possono essere ammirati, nelle Cisterne Romane del Palazzo Ducale c’è l’esposizione dei documenti del “Fondo Pergamenaceo” e dello Statuto di Atri del 1503 facenti parte dell’Archivio della Sezione Storica del Comune di Atri; l’”Asse“: reperto della monetazione atriana; la serie completa artisticamente ricostruita della monetazione atriana di Giovanni Zanni e stampi per l’antico procedimento di fusione. Nel Palazzo Sorricchio, che ha riaperto dopo 100 anni, sono esposti i manoscritti di Nicola Sorricchio, gli Annali Acquaviviani e i Monumenti Adriani; nel Palazzo Cardinal Cicada è possibile ammirare i documenti del “Fondo Rosati” e gli elaborati grafici storici della Scuola Arti e Mestieri di Atri, della Biblioteca Dèlfico di Teramo. I tre palazzi sono visitabili dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17,30. Nelle due giornate sono previste anche visite guidate alla Cattedrale in particolare il ciclo pittorico di Andrea Delitio nei 600 anni dalla nascita: il 24 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17 e il 25 ottobre dalle 9 alle 11 e dalle 15 alle 17. Le visite sono a contributo con prenotazione online su www.giornatefai.it. L’iniziativa si avvale del patrocinio del Comune di Atri e del contributo della Fondazione Tercas.

Anche questo fine settimana – commenta l’Assessore alla Cultura del Comune di Atri, Domenico Felicione – la nostra città mette in mostra i suoi tesori nascosti per le Giornate FAI d’Autunno nel pieno rispetto delle normative anti contagio da Covid-19. I due convegni potranno essere seguiti in streaming garantendo anche a un più ampio pubblico di poterli seguire. Ringrazio il capo delegazione FAI di Teramo Pietro Costantini per l’instancabile lavoro, la Fondazione Tercas e tutti coloro che hanno lavorato per la riuscita dell’iniziativa”.

“Anche questo fine settimana – commenta il Capo Delegazione Pietro Costantini – ci ritroveremo nella splendida Atri per scoprire le sue bellezze e conoscerne meglio la storia. E’ una edizione difficile, compromessa dalle regole anti contagio, ma siamo riusciti a garantire lo svolgimento degli appuntamenti in sicurezza e il pubblico ha dimostrato grande serietà e rispetto delle regole. Grazie all’Amministrazione Comunale di Atri per la collaborazione e in particolare all’Assessore Felicione per la sua tenacia e la sua voglia di fare”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *