lunedì, Novembre 23, 2020
Home > Marche > Ricetta del giorno: gnocchi sfiziosi speck e noci

Ricetta del giorno: gnocchi sfiziosi speck e noci

Ricetta del giorno: gnocchi sfiziosi speck e noci

Le ricette della nonna sono sempre le migliori. Stavolta vi proponiamo una ricetta gustosa e di sicuro effetto per un primo da leccarsi i baffi: gnocchi speck e noci. Un primo piatto morbido e dal sapore accattivante e gustoso, che vede protagonisti gli gnocchi accompagnati ad una imperdibile salsa salsa al taleggio, esaltata da una pioggia croccante di speck e noci che conferiranno ancora più carattere al piatto.

Ingredienti:

Per gli gnocchi

Patate a pasta gialla 1 kg
Farina 00 300 g
Uova 1
Sale fino q.b.

Per il condimento

Speck 200 g
Gherigli di noci 60 g
Taleggio 240 g
Panna fresca liquida 150 g
Noce moscata 1 pizzico
Rosmarino q.b.
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.

Come preparare gli gnocchi speck e noci

Gnocchi speck e noci

Per la preparazione degli gnocchi di patate, lessate le patate per circa 30-40 minuti dall’ebollizione (1). Il tempo di cottura varierà, a seconda della loro grandezza. Pelatele ancora calde e subito dopo schiacciatele sulla farina che avrete versato sulla spianatoia (2). Aggiungete l’uovo (3) e un pizzico di sale

Gnocchi speck e noci

e impastate con le mani (4) fino a ottenere un impasto morbido ma compatto (5). Prelevate una parte di impasto e stendetelo con le punte delle dita per ottenere dei filoncini spessi 2 centimetri; aiutatevi infarinando la spianatoia, di tanto in tanto, con della semola. Ritagliate dei tocchetti (6)

Gnocchi speck e noci

e trascinateli sul rigagnocchi per ottenere la tipica forma (7). Mano a mano che formate gli gnocchi di patate sistemateli su un vassoio foderato con un canovaccio leggermente infarinato, ben distanziati l’uno dall’altro (8). Occupatevi ora del condimento: tagliate a fette il taleggio (9),

Gnocchi speck e noci

tritate gli aghi di rosmarino (10) e teneteli da parte. Versate la panna fresca in un tegame capiente, insaporite con la noce moscata (11), unite il taleggio alla panna (12) e fatelo sciogliere a fiamma dolce aiutandovi con una frusta.

Gnocchi speck e noci

Non appena il taleggio sarà sciolto, fate addensare sul fuoco quanto basta affinché la salsa non risulti troppo liquida, poi toglietela dal fuoco (13). Tagliate a fette medie lo speck, riducetelo a listarelle e tagliatelo grossolanamente a dadini (14). Fate abbrustolire lo speck con il rosmarino tritato (15)

Gnocchi speck e noci

e saltatelo finché non risulterà croccante (16), quindi tenetelo da parte. Tritate grossolanamente le noci (17) e tostatele nella stessa padella dello speck (18) così ne assorbiranno l’aroma.

Gnocchi speck e noci

Cuocete gli gnocchi (19) in acqua bollente salata e, non appena verranno a galla, scolateli nel tegame con la salsa al taleggio (20). Se necessario aggiungete un mestolino d’acqua di cottura degli gnocchi e amalgamate il tutto a fiamma dolce. Aggiungete anche lo speck (21)

Gnocchi speck e noci

e le noci (22), regolate di sale solo se necessario e aromatizzate con il pepe nero (23). Servite i vostri gnocchi fumanti e buon appetito (24)!

Conservazione

Gli gnocchi speck e noci si conservano in frigorifero per un paio di giorni. Gli gnocchi di patate si possono conservare ancora crudi lasciandoli sul canovaccio per un paio d’ore al massimo, in questo caso la cottura sarà leggermente più lunga perché si saranno essiccati all’aria. Potete anche congelare gli gnocchi in questo modo: mettete il vassoietto nel congelatore e dopo circa 20 minuti riponete gli gnocchi di patate in un sacchetto per alimenti, e continuate così fino ad averli congelati tutti. Per cuocerli sarà sufficiente buttarli in acqua bollente e salata senza scongelarli prima.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *