sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Marche > Classifica città green italiane 2020. Crollo di Ascoli, Macerata e Pesaro

Classifica città green italiane 2020. Crollo di Ascoli, Macerata e Pesaro

Classifica città green italiane 2020. Crollo di Ascoli, Macerata e Pesaro

E’ Macerata la città più green delle Marche secondo il rapporto Ecosistema urbano di Legambiente e Ambiente Italia 2020. Ma perde 4 posizioni rispetto l’anno precedente quando si piazzava al 15° posto in Italia. Il capoluogo marchigiano si trova al 19° posto in Italia con un punteggio di 63,464 a fronte di un ipotetico punteggio di 100 che spetterebbe a un capoluogo in grado di rispettare tutti i limiti di legge e di garantire una buona qualità ambientale. Il rapporto su dati 2019 si basa su 18 parametri raggruppati in 5 macroaree (aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente).

Subito dopo al 20° posto Pesaro con 63,299. Qui l’arretramento è notevolissimo: Pesaro era al 6°posto lo scorso anno. Sono 14 le posizioni perse.

Ancona è al 40° posto con 55,826 guadagnando due posizioni. Infine Ascoli Piceno in 69° posizione con 48,885. Altro crollo clamoroso di ben 11 posizioni.

In questo graduatoria non è presa in considerazione Fermo: infatti i capoluoghi monitorati sono 104 e non 107 come il numero delle province.

Ma dove eccellono nonostante il peggioramento in classifica, le città marchigiane all’interno dell’Rapporto? Per quanto riguarda Macerata la troviamo al 5° posto in Italia nel parametro Biossido d’Azoto con un valore di concentrazione media No2 Ug/mc di 11,600. Interessante che al 6° posto segue Ascoli Piceno con 14,600. Come raffronto può essere utile esaminare la prima posizione che è quella di Agrigento con 4,000. In ultima posizione Palermo con 48,000. Ancora un 5° posto per Macerata per dispersione rete idrica. Primo posto Pordenone e ultimo Frosinone.

Per quanto riguarda Pesaro è al 9° posto a livello nazionale per Alberi: 35 ogni 100 abitanti. In prima posizione Cuneo con 202. In fondo alla classifica Benevento con 4 ogni 100 abitanti. Altra eccellenza per Pesaro è nel Solare termico e fotovoltaico con il calcolo kw/abitante: seconda posizione in Italia dopo Padova con 27kw per ogni residente. Buono anche l’8° posto per piste ciclabili con 20mq ogni 100 abitanti. Su tutti svetta Reggio Emilia con 44mq. In fondo alla graduatoria diverse città sotto il metro/quadro come Napoli , Genova, Reggio Calabria, Nuoro, Viterbo, Avellino, Enna e Salerno.

Detto di Ascoli, le migliori performance di Ancona sono due nell’indicatore Mobilità al parametro Passeggeri del trasporto pubblico ovvero numero passeggeri/abitanti con un 19° posto: 114. In cima alla classifica Venezia con 704 ma come si può capire è un dato particolare dettato dalla conformazione della città. Al secondo posto Milano con 467. Per ultimo Vibo Valentia con 1,7.

Ancora al 19° posto e sempre per i trasporti nel parametro Offerta del trasporto pubblico – Chilometri percorsi annualmente dal complesso delle vetture divisi per abitanti (km-vettura/abitante/anno). In questo caso il capoluogo dorico ha u valore 36,6. In vetta Milano con 87,5. In fondo Ragusa con 4,5.

A livello generale al primo posto Trento (79,9) seguita da Mantova (76,74) e da Pordenone (76,70). Nelle ultime tre posizione della classifica nazionale troviamo Pescara (27,23), Palermo (27,0) e Vibo Valentia(23,3).

Roberto Guidotti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net